Em@ney offre l’Iban personalizzato con nome e cognome

Autorità e normativeAziende
Voucher IT per digitalizzare le Pmi

Em@ney, istituto di moneta elettronica di origine maltese ma presente in tutta l’UE, permette la personalizzazione del codice IMEI ai privati e alle aziende

L’Iban, come è risaputo, è il codice che permette l’identificazione univoca di un conto corrente a livello mondiale, ed è dedotto anche dal numero di conto corrente interno che aziende e privati aprono presso un istituto bancario.

Em@ney, Imel (acronimo che identifica gli istituti emittenti moneta elettronica) di origine maltese ma operante in tutta l’UE, permette ora in tutta l’area Sepa di scegliere ben 18 caratteri che compongono l’intero codice, in modo da renderlo subito riconoscibile e più facilmente memorizzabile.

Indubbi i vantaggi, perché i privati potranno personalizzarlo con il proprio nome e cognome, e le aziende potranno sfruttarlo anche per veicolare il proprio brand. L’esempio di Em@ney è molto chiaro: un’ipotetica azienda dal nome “Inventalo Tu” potrebbe ottenere un Iban di questo tipo MT90EMON02015000000INVENTALOTU.

Em@ney
I servizi di Em@ney

Non solo, l’Iban assegnato a un cliente potrà essere associato anche a uno qualsiasi degli strumenti di pagamento Em@ney che l’Imel mette a disposizione. Per esempio carte di pagamento, wallet di valuta e altro ancora, per cui poi chi riceve un pagamento potrà immediatamente riconoscere chi effettivamente ha inviato i soldi dall’Iban stesso. 

Quello dell’Iban personalizzato in ogni caso non sarà un servizio a pagamento obbligatorio, come nella natura delle proposte di Em@ney, per cui si può sempre pagare solo per i servizi che effettivamente servono. Tra questi Em@ney offre già carta di credito, POS  per un’attività commerciale, la piattaforma multiservizi per i punti vendita, i servizi di home banking.

Germano Arnò – Ceo di Em@ney

Spiega Germano Arnò, Ceo di Em@ney: “Siamo il primo istituto di moneta elettronica in tutt’Europa a offrire l’Iban individuale, mentre tipicamente gli Imel forniscono un Iban condiviso, come abbiamo sempre fatto anche noi. Questo, naturalmente, non pregiudicava alcuna funzione, visto che i nostri clienti hanno sempre potuto ricevere gli accrediti di stipendi o di altro genere, attivare i pagamenti automatici delle utenze e così via. Ci siamo resi conto che, soprattutto negli ultimi tempi, alcuni utenti utilizzavano questo codice come una sorta di identificativo della propria attività. E allora abbiamo deciso di offrire non solo l’Iban personale ma anche personalizzato e personalizzabile” .