Epson: lunga vita alle stampanti inkjet con l’inchiostro nella sacca

Stampanti e perifericheWorkspace

Nell’ambito della tappa milanese del roadshow, Epson ha presentato i nuovi modelli di stampanti e multifunzione e snocciolato dati relativi al mondo delle inkjet. Novità il toner nel sacchetto salva spazio

E’ tutta una questione di design e di risparmio in termini di consumabili. Il mercato delle stampanti inkjet è sul banco da parecchio tempo anche in casa Epson che si appresta a lanciare sul mercato le ultime novità di casa. Complice il roadshow iniziato a Milano il 25 settembre 2018 e per otto tappe in giro per l’Italia, la società mette benzina nel motore delle proprie stampanti e le mostra in un evento che prende le basi dal motto “The new economics of printing”. Flavio Attramini, Head of Business Sales di Epson Italia ha aperto i lavori sottolineando come i nuovi prodotti Epson vanno in linea con l’accelerazione del trend del prossimo cambiamento. Secondo Idc, nel 2021 il 41% delle stampanti sarà basato su inkjet e, sempre Idc, sottolinea che tra i primi cinque criteri di acquisto dei dispositivi di stampa vi rientra il criterio ambientale e vi rientra con un livello di importanza pari alle connessioni in rete o costo di acquisto delle periferiche. Alcuni clienti Epson, come Honda Industrial Italia, pensa che scegliere le inkjet sia un vantaggio legato al minor numero di cartucce in magazzino. Questo cliente Epson è specializzato nella produzione di ciclomotori e ha rinnovato il parco stampanti con 35 modelli Epson.

Un altro dato condiviso da Attramini e che fa riflettere è che l’84% di aziende ha un parco stampanti in ottica di servizio e solo il 16% acquista macchine direttamente; allo stesso tempo, sono i responsabili It i principali decisori di acquisto del servizio. Quando si parla di impatto ambientale non si deve trascurare il fatto che possa associarsi il termine di risparmio economico, è una condizione naturale, come lo è il formato delle nuove cartucce a sacchetto delle nuove stampanti e multifunzione Epson WorkForce.

L’ufficio del futuro è sinonimo di esperienza più collaborativa e flessibile e il compito dei fornitori di servizi di stampa è di proporre soluzioni che incontrino le esigenze dei clienti. Riccardo Scalambra, Corporate Sales Manager di Epson Italia ha dichiarato: “Rispetto alle soluzioni laser, le nostre stampanti inkjet per l’ufficio permettono di risparmiare il 50% sul costo per pagina, di ridurre fino al 98% il tempo impiegato per interventi di manutenzione, di diminuire fino al 95% il consumo energetico e fino al 94% i rifiuti.” Scalambra spiega che su questa nuova gamma di Workforce enterprise, l’azineda ci sta lavorando da un anno circa ed è la prima gamma con testa di stampa fissa, dato che è la carta che si muove. Inoltre, spazio alla workforce Rips, un dispositivo che utilizza sacche di inchiostro con capacità elevata, ingegnerizzato da un punto di vista business, spiega Scalambra. Una variante anche estetica dato che i dispositivi sono stati ridisegnati per contenere all’intrno le sacche di inchiostro, affinché ci sia meno ingombro esterno.
Ma ecco le novità.

Fonte: Epson

WorkForce WF-C579R e WF-C529R: Autonomia delle sacche di inchiostro in un nuovo design compatto. Sulla scia del successo delle stampanti WorkForce Pro RIPS dotate di sacche di inchiostro ad altissima capacità che consentono di stampare migliaia di pagine senza sostituire i consumabili, Epson porta sul mercato WorkForce WF-C579R e WF-C529R che, pur mantenendo le sacche, grazie alla reingegnerizzazione degli spazi e dei meccanismi di alimentazione, riduce notevolmente gli ingombri del dispositivo, poiché esse sono posizionate all’interno del corpo macchina. Adatte ai gruppi di lavoro, questi nuovi modelli possono produrre fino a 50mila copie prima di sostituire le sacche di inchiostro e riducono gli inconvenienti tipici dei dispositivi tradizionali, agevolando le attività d’ufficio. Infatti, in questo modo si riducono i tempi di inattività dovuti alla gestione e allo smaltimento dei materiali di consumo e al numero di interventi di manutenzione, come ad esempio quelli legati a una non corretta installazione dei consumabili.

Le nuove sacche ad alta capacità della Epson WorkForce WF-C579RDTWF

Stampa monocromatica in formato A4. Composta dai modelli WF-M5799DWF, WF-M5299DW e WF-M5298DW, la serie WorkForce Pro WF-M5000 ha un rendimento dell’inchiostro che raggiunge le 40mila pagine e consente di ottenere un TCO ridotto e garantisce un intervento minimo da parte degli utenti, con conseguente aumento della produttività. Questa gamma di stampanti è perfetta per postazioni personali o piccoli gruppi di lavoro caratterizzati da esigenze omogenee e proprie del tipico lavoro da ufficio, con un volume significativo di stampa monocratica. Numerose applicazioni software e strumenti offrono opzioni di stampa sicure e aiutano a gestire i dispositivi da remoto. La connettività NFC e wireless supporta anche la stampa da dispositivi mobile.

Multifunzione monocromatico Epson WorkForce WF-M5799

WorkForce Enterprise WF-C17590, il modello dipartimentale che stampa alla velocità di 75 pagine al minuto. Progettato per soddisfare le esigenze di stampa dipartimentali delle medie e grandi aziende, WorkForce Enterprise WF-C17590 è un multifunzione A3 a colori che coniuga alte prestazioni e bassi consumi energetici. Oltre alla già conosciuta WF-C20590 da 100 pagine al minuto, questo modello amplia la gamma WorkForce Enterprise con una soluzione da 75 pagine al minuto. Pensato per grandi volumi di stampa, WF-C17590 è versatile e in grado di rispondere alle richieste di ogni componente del gruppo di lavoro. Per migliorare i livelli di produttività ed efficienza, infatti, è possibile integrare nell’infrastruttura IT esistente un’ampia gamma di soluzioni software, che spaziano dalla gestione remota alle soluzioni contabili e Follow Me.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore