Fattura elettronica: l’Agenzia delle Entrate risponde ai quesiti dei commercialisti

Autorità e normativeNormativa

Durante un evento organizzato dal consiglio nazionale dei commercialisti, l’Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni dubbi relativi alla procedura di compilazione, conservazione ed emissione della fattura elettronica

Una ventina di pagine, divisa per argomenti e macroaree, su dubbi e incertezze che riguardano la fatturazione elettronica tra privati. L’Agenzia delle Entrate ha risposto così ai principali quesiti posti dal consiglio nazionale dei commercialisti. Nei giorni scorsi, si è tenuto un evento presso la sede del consiglio dedicato proprio a sfatare dubbi sulla fatturazione elettronica e ne è emerso un documento, appunto, ricco di informazioni sia in ambito di contenuto della fattura, sia di emissione e ricezione, conservazione, QR code, obbligo invio dati per dichiarazione precompilata, spese carburanti, rapporti con l’estero, portale fatture e corrispettivi, infine, deleghe.

Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili

Come si evince dal sito giornalistico Informazione Fiscale, lo stesso direttore dell’Agenzia delle Entrate, dopo aver ammesso la delicatezza e la difficoltà naturalmente previste su un argomento così nuovo e ostico, ha iniziato a declinare le specifiche tematiche e le risposte. In particolare, per esempio, l’Agenzia delle Entrate ha risposto affermativamente alla domanda: “Il forfetario che fornisce ai propri fornitori l’indirizzo pec o il codice destinatario può continuare ad emettere, per quanto concerne il ciclo attivo, le fatture in formato cartaceo?” Oppure, riconferma che lo SdI (sistema di interscambio) non effettua tale tipo di controllo perché si limita a fare il “postino” di fatture.

Agenzia delle Entrate

Le responsabilità sono a carico di chi è obbligato ad emettere le fatture. Questo, relativamente a una domanda che chiedeva “Nei casi di self-billing (cliente che emette la fattura per conto del fornitore, fatturazione demandata a terzi) il sistema come fa a controllare che chi emette/trasmette la fattura sia stato autorizzato dal cedente o prestatore, tenuto conto che è stato chiarito che in tal caso non occorre nessuna delega?”. Oppure ancora, l’Agenzia chiarisce che, in caso di chiusura di partita Iva, la conservazione elettronica con l’Agenzia è assicurata per 15 anni. L’Agenzia chiarisce che è a norma dal punto di vista civilistico e non solo tributario, la conservazione gratuita offerta dall’Agenzia delle Entrate.

Attualmente il servizio di conservazione dell’Agenzia delle Entrate, come previsto dalla legge, è utilizzabile solo per le fatture elettroniche emesse e ricevute tramite SdI. Si valuterà la richiesta per il futuro. Questa è stata la risposta a questo quesito: “Avendo aderito al sistema di conservazione elettronica messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (piattaforma “Fatture e Corrispettivi” all’interno dell’area riservata Fisconline), si chiede se: sia confermato che, attualmente, non sia possibile inserire nel suddetto sistema di conservazione fatture ricevute in modalità non elettronica e dunque non transitate sullo Sdi (ad esempio poiché ricevute da un soggetto aderente al regime forfettario di cui alla legge n. 190/2014 per il quale non vige l’obbligo di fatturazione elettronica); invece, laddove sia confermato quanto riportato, sia intenzione dell’Agenzia delle Entrate implementare tale sistema di conservazione affinché sia in grado di conservare anche fatture non transiste sullo Sdi (ad esempio tramite la facoltà di caricamento di documenti in formato pdf). Infatti, qualora tale funzionalità non fosse attivata si sarebbe costretti a procedere ad una archiviazione cartacea della documentazione già conservata elettronicamente (con una duplicazione del lavoro nonché vanificando l’utilità del servizio di conservazione elettronica) oppure a rivolgersi, a pagamento, ad una società di servizi informatici presente sul mercato per svolgere tale funzione”.

Ecco qui tutte le risposte

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore