Gli smartglass di Epson per il sistema sanitario e l’area ingegneristica

MobilityWorkspace
Moverio BT-35E

L’ultimo modello di smartglass presentato da Epson, Moverio BT-35E, indirizza le esigenze in ambito sanitario, ingegneristico e si distingue per l’indossabilità. Epson fornisce le API per l’utilizzo con telecamere e sensori

Moverio BT-35E è il nuovo modello di smartglass proposto da Epson pensato per le applicazioni in ambito sanitario e ingegneristico, ma anche per il pilotaggio dei droni. In fondo, gli scenari proposti da alcune serie di fantascienza non sono oramai per nulla così fantascientifici. E l’evoluzione smartglass di Epson sembra poter offrire un’ulteriore prova al riguardo.

 Il nuovo modello è indossabile anche da coloro che portano già un paio di occhiali, si adatta facilmente a diverse conformazioni del cranio (grazie alle aste regolabili) e può essere utilizzato con l’hardware già disponibile sul mercato semplicemente tramite interfaccia HDMI e USB Type C.

Gli smarglass, con lenti Si-Oled trasparenti, integrano una fotocamera con sensore da 5 MP,  e un’ampia gamma di sensori tra cui giroscopio, accelerometro, bussola e sensore di luce ambientale. Epson fornisce le API per la telecamera e i sensori mentre gli utenti saranno facilitati nell’utilizzo dal comodo laccetto da collo per lasciare le mani libere, e per essere facilmente indossabili anche da persone diverse, senza criticità. 

Moverio BT-35E
Moverio BT-35E

L’evoluzione Moverio, nel modello BT-35E trova i casi di utilizzo più probabili nel sistema sanitario come display primario e secondario.

Il medico, anzichè voltarsi per la visualizzazione di un monitor, può continuare a rimanere con il viso rivolto al paziente e ricevere le stesse informazioni. In un contesto completamente diverso, per l’intrattenimento per esempio, gli smartglass di Epson consentono ai visitatori di parchi tematici e musei di riprodurre contenuti video migliori o di utilizzarlo come display a sovrimpressione.

Infine, nel caso di utilizzo di droni commerciali (tra cui il modello DJI Phantom 4 Pro) si possono utilizzare gli occhiali come come display FPV secondario per i controller che dispongono di display primario e di un’uscita HDMI.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore