Google+, colabrodo, chiude con quattro mesi di anticipo

MarketingSocial media
Google+ in cifre

Google+ chiuderà ad aprile 2019, con quattro mesi di anticipo. Fatale il secondo bug in pochi mesi con i dati di 52 milioni di persone esposti agli sviluppatori

Google chiude il social network Google+ con ampio anticipo rispetto a quanto previsto a causa  di un ulteriore bug che avrebbe lasciato trapelare le informazioni private di milioni di account agli sviluppatori del software per circa una settimana.

L’azienda ammette che siano stati esposti i dati di ben 52,5 milioni di persone in seguito ad un update software, a Novembre, con le applicazioni degli sviluppatori che avrebbero potuto accedere a informazioni personali. Il bug sarebbe stato sanato una settimana dopo. 
Fa impressione però come anche ad ottobre l’azienda abbia dichiarato di aver dovuto provvedere alla soluzione di un bug scoperto a Marzo di quest’anno che affligeva il social da diversi anni!

Google Plus

I dati, secondo Google, non sarebbero mai stati esposti a terzi, in pratica non sarebbero usciti dai confini dell’azienda, ma ovviamente nessuno in Google può garantire che gli sviluppatori non li abbiano mai potuti utilizzare. E in ogni caso gli episodi fanno riflettere su quanto le preoccupazioni del GDPR nostrano siano lontane, dalla vita reale e dalle pratiche.

L’unica nota positiva è che Google +, che non è mai riuscito a sfondare tra i social network, e praticamente è ‘inutilizzato’ rispetto alle altre proposte, chiuderà ad aprile del 2019 con largo anticipo rispetto al previsto e le API non saranno più accessibili agli sviluppatori invece già a fine marzo (90 giorni).

Poco male un social in meno da inserire nelle home page dei siti, e non sarà male nemmeno perdere un’occasione di alimentare il mercato (o anche solo Google) con le informazioni  personali. 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore