Google Pixel 3 e Pixel 3 XL, stupire è sempre più difficile

MobilitySmartphone

I nuovi smartphone Pixel 3 e Pixel 3 XL di Google arrivano con doppia fotocamera anteriore e un’unica fotocamera posteriore. Tanta concretezza ma senza effetto wow! Prezzi e specifiche

Anche Google arriva finalmente a presentare i suoi smartphone ‘nudi e crudi’, con l’ultima versione del sistema operativo Android 9 Pie, e praticamente nessuna ‘personalizzazione’ dell’interfaccia.

Una proposta che negli anni è sempre piaciuta, anche se, con il passare del tempo sono cresciuti i prezzi e sostanzialmente Big G non si è mai preoccupata di distribuire i suoi smartphone ‘a pioggia’, bilanciando innovazione tecnologica con pragmaticità. 
Le novità di questi Google Pixel 3 e Pixel 3 XL, sembrano non smentire questa filosofia e la sobrietà del progetto Pixel. 

Un poco perché è sempre più difficile stupire ed inventarsi qualcosa di nuovo, un poco perché le componenti hardware ‘top’ scelte anche per questi Pixel sono già presenti oramai su non pochi smartphone. Google punta ad altro, ovvero ad offrire il massimo possibile, con soluzione hardware affidabili, ma sfruttando soprattutto l’expertise maturata nei servizi sull’AI e il machine learning. E allora entriamo nei dettagli. 

Google Pixel 3 con la ricarica senza fili

Arrivano due nuovi smartphone, differenti sostanzialmente per le dimensioni del display rispettivamente da 5,5 e da 6,3 pollici, arriva anche la certificazione IP68 e doppi speaker frontali stereo. Pixel 3 si presenta con la risoluzione Full HD (2160×1080 nel rapporto di forma dello smartphone), Pixel 3 XL con una super risoluzione Quad HD+, quindi 2880×1440 pixel. Entrambi gli smartphone si presentano con il display e il dorso protetto da vetro Corning Gorilla Glass 5 e il corpo in alluminio. Pixel 3 pesa 148 grammi 3 XL ne pesa 184.  

Entrambi i pannelli sono OLED protetti da vetro Gorilla Glass 5, per l’utente finale questo si traduce in uno sfondo nero profondo del tutto convincente. Entrambi i modelli saranno disponibili con una doppia dotazione di memoria ovvero 64 e 128 Gbyte. Questo, insieme alle dimensioni, sarà il fattore che determinerà il prezzo.

Si parte quindi da 899 euro per Pixel 3 da 64 Gbyte, si aggiungono cento euro per la versione da 128 Gbyte (999 euro), oppure per Pixel 3 XL con memoria da 64 Gbyte. Il top di gamma, Pixel 3 XL da 128 Gbyte costa 1099 euro.

Tutti gli smartphone portano in dote 4 Gbyte di Ram e Snapdragon 845 come Cpu, top di gamma e ben collaudata sui modelli di fascia alta degli altri vendor. Sono previste tre colorazioni (bianco, rosa, nero) e gli smartphone si possono già prenotare sullo store online italiano di Google, nel momento in cui chiudiamo questo articolo tuttavia già è comparso il messaggio “Non più disponibile”, è stato in periodi diversi ricorrente anche per gli altri modelli al momento del lancio. Siamo molto distanti dai prezzi di Apple, ma anche le novità tecnologiche difficilmente portranno sortire l’effetto WoW!

Pixel 3 XL - Con il notch, assente nel modello più piccolo
Pixel 3 XL – Con il notch, assente nel modello più piccolo

Vediamole in dettaglio. Il tratto veramente distintivo dei Pixel 3 è la rinuncia alla doppia fotocamera posteriore a vantaggio di una doppia fotocamera anteriore. Nei Pixel 2 il gioco di mantenere un’unico sensore posteriore era riuscito con una fotocamera allo stato dell’arte, Google ha scelto di proseguire su questa strada.

Le fotocamere anteriori hanno entrambe un sensore da 8 Megapixel e si differenziano per l’ottica grandangolare f2.2 la prima (circa 107 gradi) e f1.8 la seconda, un tele. La fotocamera posteriore, con stabilizzatore ottico, sfrutta un sensore da 12,2 Megapixel con f1.8 e tecnologia Dual Pixel a rilevamento di fase.

Le fotocamere sfruttano il meglio della tecnologia Google riguardo AI e machine learning,  per catturare le scene prima e dopo il momento dello scatto, oppure – con la fotocamera anteriore catturare l’espressione più originale dei volti, il sistema riconosce anche cosa fotografiamo ed ottimizza lo scatto sfruttando le sopraddette tecnologie.

Molto interessante il sistema che arriverà con un update dopo la commercializzazione per migliorare le fotografie notturne, in pratica sull’analisi di scatti multipli il sistema calcolerà la luminosità migliore e ottimizzerà la riduzione del rumore. 

Pixel 3 - Il dettaglio della fotocamera posteriore
Pixel 3 – Il dettaglio della fotocamera posteriore

Diamo per scontata l’interfaccia USB Type C, Bluetooth 5.0 e WiFi 5 e apprezziamo la batteria da 3.430 mAh di Pixel 3 XL, rispetto ai 2.915 per Pixel 3. Tutti i nuovi Pixel 3 supportano la ricarica senza fili.

Google non rincorre le novità per quanto riguarda l’autenticazione e decide di non sfruttare nemmeno la doppia fotocamera anteriore, demandando ancora al sensore di impronte digitali il sistema di login, niente riconoscimento dell’iride o altri sistemi sofisticati di analisi del volto. I nuovi Pixel supportano l’utilizzo di un’unica nanoSim. La memoria non è espandibile, ma Google assicura spazio illimitato su Google Photo.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore