Gruppo Orsero: reingegnerizzazione dei processi di business nell’ortofrutta

Aziende

Gruppo Orsero ha elaborato un progetto che ha identificato come priorità la reingegnerizzazione e l’automazione di alcuni processi di business e la sofisticazione e uniformazione della business intelligence a livello di Gruppo

Il processo di digitalizzazione sta radicalmente trasformando il modo di fare impresa, a tutti i livelli. Sempre più aziende, grandi e piccole, stanno sviluppando modelli di business che si avvalgono di piattaforme tecnologicamente avanzate, ispirandosi ai principi dell’Industria 4.0. Secondo dati del Forum dell’Economia Digitale, un processo di transizione valutato in un giro d’affari di 110 miliardi di euro per i prossimi 5 anni. Se prima venivano solo vissute come un’opportunità, il digitale e le nuove tecnologie oggi sono una realtà in costante consolidamento, il pilastro di una nuova economia che traina la crescita.

Un principio a cui si è ispirato anche il viaggio “tecnologico” che il Gruppo Orsero, azienda italiano nell’importazione e distribuzione di prodotti ortofrutticoli, ha intrapreso già da qualche anno. “In concomitanza con la iscrizione al listino AIM, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle PMI, quindi circa due anni fa – racconta Tommaso Cotto, Chief Operating Officer di Orseroabbiamo raggiunto la consapevolezza che avremmo dovuto imprimere una sterzata all’insegna dell’informatizzazione al mondo della distribuzione dell’orto-frutta, che pagava lo scotto di uno sviluppo tecnologico meno capillare e radicato rispetto ad altri settori di riferimento”.

Una presa d’atto che ha indotto l’azienda ad elaborare un progetto di respiro europeo che ha identificato come priorità la reingegnerizzazione e l’automazione di alcuni processi di business e la sofisticazione e uniformazione della business intelligence a livello di Gruppo.

Lavaggio grandi frutti

Per questo, all’interno dell’azienda, è stata costituita una unità ad hoc che ha preso la denominazione, programmatica, di Business Solutions. “Sono stati inseriti profili manageriali specializzati che hanno assunto la responsabilità di implementare il piano di sviluppo tecnologico e di innovazione previsto. Un progetto tuttora in corso, vista la sua complessità e l’estensione funzionale e geografica”. Per consentire questo salto tecnologico la scelta del Gruppo Orsero è ricaduta su Microsoft Dynamics 365 For Finance and Operations, la nuova piattaforma cloud che racchiude tutta l’esperienza del gruppo informatico di Seattle sul fronte dell’Enterprise Resource Planning e che integra applicazioni di business intelligenti in risposta alle esigenze di singoli ruoli professionali, funzioni e settori. “Una opzione a cui siamo giunti dopo attenta valutazione delle nostre esigenze logistiche e di elaborazione dei dati, dell’impostazione del nostro core business e delle peculiarità dei nostri prodotti e dei modelli operativi”. Un passaggio inevitabile per un’azienda che fa del controllo delle tempistiche di trasferimento e stoccaggio di referenze ortofrutticole e della salvaguardia della loro qualità un elemento distintivo imprescindibile. “Il nuovo ERP, che in prima battuta è stato testato solo in alcune delle nostre società minori per valutarne la stabilità e per dimostrarne l’effettivo vantaggio operativo, ci consente di eliminare praticamente tutto l’hardware, perché tutti i dati vengono immagazzinati all’interno di data center centralizzati”.

Prima tappa importante, lo scorso maggio, quando è stato dato il go live alla prima società operativa con l’innovativo sistema informatico e i relativi moduli. “Potersi sempre avvalere del dato integrato, a partire dalla pianificazione dell’acquisto fino alla vendita finale, è una leva fondamentale per il nostro settore e il fatto di avere una linea produttiva così strutturata e una piattaforma così solida – specifica Cotto – è un fattore di successo, in un mercato dove i principali clienti, e mi riferisco prevalentemente al canale della Gdo, richiedono informazioni precise e veloci. La logica applicativa è pensata, oltre che per rendere efficienti i processi interni, sia nei confronti dei clienti che dei fornitori. Potremo infatti procedere celermente all’inserimento automatico di ordini di vendita attraverso applicazioni dedicate o all’integrazione della nostra piattaforma con quella dei clienti, così da dialogare quasi in tempo reale e ottimizzarle tempistiche di ordinativi e consegne”. Sul versante dei fornitori potremo agevolare il dialogo commerciale attraverso un sistema di reportistica specifico.

In sintesi, una rivoluzione che riduce le distanze tra obiettivi e performance effettive anche in settori considerati, erroneamente, a minor margine di evoluzione tecnologica. Una digital transformation che si inserisce in uno scenario di crescita costante del Gruppo. La Società sta inoltre portando avanti un piano di investimenti nel business del “fresh cut”, la frutta già pronta in pezzi e porzionata, che prevede l’apertura di nuovi centri produttivi nel corso del 2019 all’interno dei principali magazzini italiani del Gruppo.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore