Il computing del futuro secondo HP a CES 2018

Dispositivi mobiliMobilityPCWorkspace

Tra le novità di spicco presentate da HP a CES 2018 i nuovi HP Spectre x360 e Envy x2, mentre su HP Pavilion Wave sbarca l’intelligenza artificiale di Amazon Alexa

HP ha presentato a CES 2018 le novità in ambito computing con sostanzialmente sei annunci principali. HP Spectre x360, la proposta convertibile con display da 15″, il nuovo HP Envy x2 (ibrido con tastiera), HP Z 3D (fotocamera), HP Pavilion Wave con Amazon Alexa come proposta di desktop compatto OMEN Game Stream e il display OMEN X con 65 pollici di diagonale.

HP Spectre x360 e Envy x2

La nuova proposta del portatile Spectre x360 guadagna soluzioni di grafica discreta per poter ora affrontare qualsiasi compito di elaborazione video 4K e in ambito 3D. I nuovi modelli arrivano con Intel Core i7 8705G, quindi cpu di ottava generazione, con grafica Radeon RX Vega, oppure Nvidia GeForce MX 150, in questo caso per un’autonomia dichiarata dai vendor superiore alle 13 ore di utilizzo.

HP Spectre x360
HP Spectre x360

Lo spessore complessivo è di appena 1,9 cm per circa 2 Kg di peso. HP ha ingegnerizzato lo chassis con gli altoparlanti ora collocati sotto la tastiera per sfruttare il sistema di appoggio per esaltare l’esperienza audio e allo stesso tempo lasciare spazio maggiore alla tastiera con il tastierino numerico. Il display, protetto da vetro Corning Gorilla Glass 4 vanta una risoluzione UHD e permette l’utilizzo anche con lo stilo opzionale Tilt Pen. 

HP Envy x2
HP Envy x2

Envy x2 è ancora più sottile e leggero. Con lo spessore di appena 7,9 mm e poco più di 7 etti di peso si tratta di un ibrido con diagonale del display da 12,3 pollici, pensato espressamente anche per un utilizzo Soho e arriva dotato di stilo Windows Ink. Permette un utilizzo continuato fino a 17 ore con Windows 10 Home, e supporta la connettività 4G/LTE. Sfrutta Intel Core serie Y come processori, fino a 256 Gbyte di disco SSD e 8 Gbyte di Ram. 

HP Z 3D Camera

HP Z 3D è la nuova camera professionale proposta dal vendor e dedicata non solo ai designer 3D ma anche agli sviluppatori di videogiochi tanto da permette in modo semplice e con una semplice interfaccia USB di collegamento con il pc la scansione degli oggetti 3D.

HP Z 3D Camera
HP Z 3D Camera

Si tratta di un sistema che permette effettivamente di riprogettare tutto il flusso di lavoro perché oltre alle funzionalità tipiche delle webcam permette la digitalizzazione di oggetti scansionandoli sia tenendoli appoggiati sul piano sia facendoli ruotare sulle mani. Le scansioni sono poi direttamente integrabili in PowerPoint 3D, Paint 3D. Il prezzo è di circa 600 dollari.

HP Omen Game Stream e Omen X65 con Nvidia G-Sync

OMEN X65 Big Format è un display con tecnologia Nvidia G-Sync con risoluzione 4K UHD, e ben 65 pollici di diagonale. In pratica un super schermo per l’intrattenimento e il gaming. Lavora a una frequenza di refresh di 120 Hz, con latenza bassissima, supporta HDR-10. Nell’ambito della famiglia Omen, HP propone anche OMEN Game Stream, una piattaforma di streaming che permette di videogiocare, anche senza fili, ovunque ci sia una buona connettività.

Con una latenza di appena 7 millisecondi nell’esperienza a casa e 35 ms da remoto, il sistema si utilizza installando Omen Command Center da Windows Store di Microsoft poi basta fare login sul sistema HP Omen e giocare.

HP Pavilion Wave con Amazon Alexa

Pavilion Wave è un sistema da scrivania equipaggiato con Windows 10 e quindi a tutti gli effetti un pc con tutte le potenzialità del caso, che integra strumenti audio, riproduzione musicale, web chat, in un sistema pensato per essere produttivi in multitasking ma anche esperire le potenzialità di Amazon Alexa.
Gli utenti possono controllare musica, allarmi, e device smart home semplicemente chiedendo ad Alexa.

Inutile dirlo, la sfida a Cortana, sul medesimo sistema operativo è aperta. Con l’arrivo dei nuovi dispositivi con Intelligenza Artificiale a bordo l’integrazione per il loro utilizzo controllandoli grazie ad Alexa e un’app sarà estremamente facilitato. Vedremo se nel tempo Microsoft stringerà ulteriormente la partnership con Amazon e continuerà a mantenere attivo il proprio “motore” Cortana o addirittura integrerà l’AI di Amazon con un’epocale prima operazione di concentrazione di risorse in questo ambito.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore