Il software Zucchetti gioca all’attacco

AziendeMercati e Finanza

La società lodigiana continua a crescere grazie a una strategia a medio
termine che innova senza fretta, con l’obiettivo di aiutare l’imprenditore a
combattere i disagi. Ecco cosa hanno detto i manager radunati a Montecatini per
la convention con i partner

Competitor senza timore Anche sul fronte della concorrenza nazionale e internazionale, Zucchetti sembra non avere timori, non si considera più un predatore (ormai il periodo delle acquisizioni è alle spalle), e neanche vuole fare da preda per gli appetiti delle grandi multinazionali che fanno sempre più fatica a scendere nel mercato della piccola impresa. ?Non temiamo la concorrenza internazionale sul terreno dei contenuti applicativi – aggiunge Mini – anche se siamo consapevoli delle grandi potenzialità che hanno a livello di investimenti. La conformazione del mercato italiano e gli usi e costumi dell’italianità fanno da barriera all’ingresso di questi grandi nomi sulla fascia delle Pmi. Mi riferisco alle imprese medio-basse dove tutti questi grandi nomi sono in difficoltà, mentre ancora combattono bene nelle aziende medio-alte. Per non parlare della piccola e micro impresa dove nonostante gli sforzi non riescono neanche ad entrare?. ?Tra le aziende italiane – conclude Mini – ci sono aziende che crescono e altre che regrediscono, alcune chiudono altre vengono acquisite. In pratica gli attori capaci di stare sul mercato sono sempre meno, ma quelli che resistono diventano più forti. Oggi sono due o tre le società di software italiano che sono in grado di giocare la partita in attacco, perché hanno capacità finanziaria e solidità, gli altri attori sono sulla difensiva. Ci sono poi gli sviluppatori locali che ancora giocano un ruolo, ma solo su certe nicchie di mercato, e oggi la maggior parte cerca alleanze per realizzare verticalizzazioni molto particolari, mentre sono destinati a sparire gli artigiani di una volta che facevano il 100% del software di un’azienda?.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore