Inizia l’era dei nuovi pagamenti digitali, grazie al Mobile

E-paymentMarketing
A doppia cifra i pagamenti digitali

In Italia l’e-commerce ha raggiunto i 13,3 miliardi di euro. Mobile Payment e e-Payment crescono a doppia cifra

I pagamenti digitali non conoscono crisi. Sebbene in Italia si siano ridimensionati i consumi, i pagamenti digitali chiudono il 2014 mettendo a segno una crescita del 3.6%. Ma, mentre l’incremento dei pagamenti tradizionali cashless, quelli via carta di credito, si ferma all’1,6%, a mettere il turbo sono i nuovi pagamenti digitali: e-commerce, e-payment, Mobile Payment (m-payment), Commerce a distanza e in prossimità, Mobile POS e Contactless Payment.

Nel 2014 l’e-commerce tricolore ha raggiunto i 13,3 miliardi di euro, in rialzo annuo del 17%, mentre l’export ha compiuto un balzo del 24% a quota 2,5 miliardi di euro.

Il raddoppio dell’m-commerce (Mobile commerce via smartphone e tablet) traina l’m-payment: infatti pagamenti e acquisti via Mobile crescono del 55%. Mobile commerce e pagamenti via Mobile valgono circa 2 miliardi di euro nel 2014, ma si può fare di più: si stima che nel 2017 salirà per raggiungere una cifra tra 4 e 5 miliardi di euro. Così riporta la ricerca degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano.

In Italia Mobile Payment e e-Payment crescono a doppia cifra: hanno registrato un balzo del 20%. E i New Digital Payment rappresentano il 12% dei pagamenti cashless.

A trainare i nuovi pagamenti digitali sono i 3 milioni di biglietti dei mezzi pubblici comprati via smartphone (per 160 milioni di euro), i 2 milioni di servizi di car-sharing e il milione di ore di sosta pagati con le nuove modalità. Le ricariche telefoniche costituiscono il 70% del mercato (+22% rispetto al 2013). Progrediscono anche i pagamenti di bollette e bollettini (+37% rispetto al 2013).

I pagamenti “in prossimità” totalizzano 300 milioni di euro, grazie alle carte Contactless e ai Mobile POS. E, quando sbarcheranno in Italia Apple Pay e i concorrenti (anche Samsung Pay potrebbe essere presentato al Mobile world congress – Mwc 2015 – di Barcellona), potremmo assistere a un vero boom dei New Digital Payment.

Tuttavia è possibile fare qualcosa in più e ci attendiamo una crescita media, tra il 2015 e il 2017, pari al 7% annuo, che porterà questo mercato a raggiungerei 176 miliardi di euro. Per agevolare questa crescita occorrono sia un intervento normativo che proponga incentivi e diffonda conoscenza, sia l’impegno, da parte del mondo dell’offerta, a puntare sui New Digital Payment”, precisa Alessandro Perego, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce.

Mobile Payment e m-commerce mettono il turbo in Italia
Mobile Payment e m-commerce mettono il turbo in Italia

La maggiore diffusione del cashless nel nostro Paese è una buona notizia: potrebbe portare ad un risparmio di 40 miliardi di euro l’anno in Italia, quasi 3 punti di Pil secondo recenti stime in Italia.

Anche la piattaforma eBay Italia conferma i dati sull’export via e-commerce: su 26 mila imprese tricolori monitorate, il 63% esporta all’estero via Internet a un prezzo medio di 74 dollari, che sale a 112 nelle esportazioni verso la Cina.

Gli italiani avevano circa 37 milioni di smartphone nel 2013, saliti a 45 milioni di unità nel 2014. Secondo l’Istat, in Italia nel 2014 il 34,1% degli italiani con più di 14 anni si è rivolto all’e-commerce per acquistare merci o servizi. Ma a correre è l’m-commerce: secondo Netcomm, solo le vendite da smartphone hanno superato il giro di boa del primo miliardo di euro.

Ma a che punto è l’m-payment? Google sta per lanciare la sfida a Apple nel mercato dei pagamenti via smartphone, dopo che Apple Pay è sbarcato sugli iPhone 6 e 6 Plus (forte di un milione di attivazioni in pochi giorni), ma arriverà anche su Apple Watch. Inoltre, Samsung Pay potrebbe debuttare a Mwc 2015. A livello globale, il mercato dei pagamenti mobili passerà dai 12.8 miliardi di dollari nel 2012 ai 90 miliardi di dollari nel 2017, registrando una crescita del 48% rispetto al 2012, secondo Forrester Research. Ma dal 2019 i servizi di m-payment saliranno da 52 miliardi nel 2014 a 142 miliardi di dollari.

Il Mobile-Payment (m-Payment) crescerà del 60% nel 2015, mentre gli e-payment freneranno, calando al 15,9% annuo nello stesso periodo. Lo prevede il World Payment Report, pubblicato da Capgemini e da Royal Bank of Scotland nel 2014: accelerano gli m-payment, stimati a quota 38,5 miliardi di transazioni, mentre sta rallentando il tasso di crescita degli e-payment (a quota prevista 47 miliardi di transazioni).

Cosa sapete dei pagamenti mobili? Mettetevi alla prova con un Quiz!

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore