La sottile eleganza di HTC Desire 12 e Desire 12+

MobilitySmartphone

HTC presenta due nuovi smartphone di fascia media, Desire 12 e Desire 12+. Con il display in rapporto di forma 18:9 l’eleganza si coniuga con la comodità dell’utilizzo con una mano sola

HTC ha presentato due nuovi smartphone pensati per chi desidera caratteristiche di fascia alta, ma allo stesso tempo è attento al prezzo. HTC Desire 12 e Desire 12+, questo il loro nome, si distinguono tra loro per le dimensioni del display, rispettivamente da 5,5 e 6 pollici mantenendo in entrambi i casi il rapporto di forma 18:9. In verità anche le specifiche hardware caratterizzano le due proposte con alcune interessanti differenze. E allora entriamo nei dettagli.

HTC Desire 12+

Esteriormente gli smartphone richiamano ancora gli effetti dati dalla finitura a “superficie liquida” delle serie U11, ma sono costruiti sulla base di una resistente superficie posteriore in vetro acrilico con un nuovo look aerodinamico. La scocca e i bordi (minimi) sono curvi per un effetto complessivo del tutto gradevole nelle variabili Cool Black e Warm Silver. Solo il modello Desire 12+ mette a disposizione per le procedure di login il lettore di impronte digitali. 

Entrambi gli smartphone si presentano con dimensioni particolarmente “manabili”. Lo spessore per entrambi è di circa 8mm con appena 20 grammi di differenza di peso (137 vs 157 grammi), identica invece la risoluzione del display HD+ (720×1440) basati su tecnologia IPS LCD.

HTC Desire 12 e Desire 12+ con il sensore di impronte digitali sul dorso

Nati soprattutto per offrire tanto nel comparto fotografico, lo smartphone Desire 12+ si presenta con una doppia fotocamera posteriore (13MP + 2MP) che consentirà di rifocalizzare le foto dopo lo scatto per ottenere l’effetto Bokeh,  il sensore principale è identico per i due modelli proposti, così come le specifiche di Phase Detection Auto Focus, il sensore BSI, invece l’apertura del diaframma è f2.2 su Desire 12 e 2.0 sul modello Desire 12+.

Il produttore nomina HDR solo sul modello HTC Desire 12 ma pensiamo sia un errore.  La fotocamera frontale invece sfrutta in entrambi i casi un sensore da 5 MP. Il led flash è disponibile anche frontalmente, per non precludere selfie ad effetto anche in condizioni di scarsa luminosità. Solo il modello Desire 12+ permette di registrare i video con risoluzione Full HD (Desire 12 riprende solo in HD)

Su entrambi i modelli sono presenti poi funzioni interessanti per facilitare una buona esperienza con lo smartphone, come per esempio Battery Saver che ricorda di mettere in carica il telefono prima di uscire di casa e HTC Sense Companion con la funzione Smart Alarms che risponde al proprio calendario.  

Per quanto riguarda le mere specifiche tecniche ecco alcune differenze importanti da conoscere. Il modello HTC Desire 12+ arriva con Qualcomm Snapdragon 450, un octa-core su architettura a 64 bit. Il modello Desire 12+ invece adotta una Cpu MediaTek MT6739, quad-core, sempre a 64 bit.

Sul modello top la Cpu può sfruttare 3 Gbyte di Ram e gli utenti hanno disponibili 32 Gbyte di storage, mentre a seconda delle regioni sono disponibili Desire 12 sia con soli 2 Gbyte di Ram e 16 Gbyte di storage, sia configurati come il modello top. Entrambi gli smartphone funzionano con una nanoSIM, ma per Desire 12 dovrebbe essere disponibile in alcune regioni anche la possibilità di dual SIM.

HTC Desire 12

In entrambi casi è possibile l’espansione di memoria con schedine microSD. Gli smartphone arrivano equipaggiati già con Android 8.0 e ovviamente l’interfaccia HTC Sense.

Entrambi gli smartphone offrono i sensori di luci ambientali, prossimità, la bussola elettronica e l’accelerometro. Solo il modello più importante, come già detto in apertura, il sensore per le impronte digitali. La ricezione del segnale Gps supporta anche Glonass. Bluetooth è supportato nella versione 4.2, la ricezione WiFi fino al protocollo n.

Infine per quanto riguarda la batteria il modello maggiore arriva con batteria da 2965 mAh, e il più piccolo con capacità di 2700 mAh, per un’autonomia quindi nel complesso che dovrebbe essere equivalente.

Prezzi e disponibilità in Italia non sono ancora stati comunicati e per queste proposte la giusta collocazione di prezzo è un fattore discriminante per un corretto giudizio sulla proposta.  

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore