L’evoluzione digitale di Reply tra startup, esoscheletri e salute

AziendeStart Up

Durante l’edizione 2018 di Reply Xchange, la società ha fatto il punto sulle novità tecnologiche che sta portando avanti, comprese nuove startup e accordi con il Politecnico di Torino

L’IoT trasforma gli oggetti delle nostre manifatture in componenti di sistemi in rete con nuove funzionalità, innovandoli profondamente e accrescendone il valore”. Questo affermava Marco Gay, presidente di Anitec-Assinform, durante la presentazioni delle rilevazioni dell’andamento del mercato digitale, da qui fino al 2020. L’Iot, l’Ai (intelligenza artificiale), la sicurezza, le startup, gli esoscheletri realizzati in collaborazione con Comau, sono solo alcuni degli ingredienti che, ogni anno, sono presentati da Reply durante l’evento Xchange. Ogni anno si assaggia un’evoluzione di qualche tassello: dalla stampa 3D, all’industria 4.0, dalle tecnologie in campo industriale realizzate in collaborazione con altre società, la gestione dei dati, smarthome e gestione della salute attraverso novità tecnologiche.

Tatiana Rizzante, CEO Reply
Tatiana Rizzante, CEO Reply

E, anche quest’anno, Tatiana e Filippo Rizzante, rispettivamente Ceo e Cto della società, hanno mostrato sul palcoscenico dell’Università Bocconi di Milano, le ultime novità. “Il mercato del Crm e della customer experience cresce – spiega Tatiana Rizzante – siamo alla quarta generazione di Crm e segna l’evoluzione costante del mercato. In particolare, quella dei post e dei contenuti prodotti con i video e per il digital advertising”, spiega. Se da un lato i contenuti sono in continua esplosione, secondo Filippo Rizzante, si comincia a percepire la fusione tra macchina e uomo: “l’ingegneria e l’It stanno diventando una cosa sola, centrica attorno al prodotto dando vita a prodotti molto verticali e specifici come i sistemi IoT. Le imprese creano ecosistemi e fanno parlare in modo più snello una serie di verticalizzazioni. Il futuro dell’It prevede che anche lo stesso It si automatizzerà. Dobbiamo recuperare produttività – spiega – e la capacità di aumentare quella del singolo individuo”.

Reply Xchange 2018, esoscheletro

Nel corso degli anni e anche in quest’ultimo non sono mancate novità, soprattutto in tema di acquisizione di startup. Da ultimo, Tatiana Rizzante ricorda l’acquisizione di Valorem, società statunitense specializzata nella Digital Strategy e nella implementazione di soluzioni Cloud, Analytics e modelli di User Experience, per potenziarsi sul mercato americano. Valorem, con oltre 300 dipendenti distribuiti tra le sedi di Kansas City, Seattle, St.Louis e Kochi (India è attiva nei settori del cloud design e dei servizi a valore aggiunto su tecnologia Microsoft Cloud e ha tra i propri clienti alcuni dei principali gruppi internazionali, tra cui Boeing, Intel, Jeppesen, Microsoft e Red Bull. L’investimento in Valorem si inserisce nella strategia di crescita internazionale di Reply, in particolare negli Stati Uniti, dove è già presente con uffici a Chicago e Detroit.

Filippo Rizzante, CTO Reply
Filippo Rizzante, CTO Reply

Ma il focus resta l’Europa con il lancio di nuove startup in Germania nell’ambito cybersecurity.
Reply e Politecnico di Torino hanno siglato un accordo di ricerca congiunta per creare una piattaforma software per la Fabbrica Intelligente, in grado di integrare tecniche di Additive Manufacturing alle linee di produzione tradizionali. Lo scopo del progetto di ricerca è quello di dare una risposta innovativa al mercato manifatturiero additive per digitalizzare e automatizzare processi di produzione di fabbrica, superando l’attuale approccio nella messa a punto di un “lavoro” basato sull’esperienza dell’operatore, con conseguente aumento della produttività e riduzione di costi, tempi e impatto ambientale. La piattaforma consentirà di gestire agevolmente l’introduzione di sistemi per la fabbricazione additiva all’interno delle linee di produzione tradizionali oppure linee multiple totalmente additive.

Reply Xchange 2018 – Fabbrica intelligente

Saranno inoltre integrati algoritmi per la manutenzione predittiva di queste nuove componenti della linea. La piattaforma si occuperà anche del Design for Additive Manufacturing basato sull’ottimizzazione topologica e delle tecniche per il posizionamento efficiente del componente nello spazio di lavoro della macchina. Per accelerare il processo di sviluppo, Reply mette a disposizione la propria soluzione per Manufacturing Operations Management, Brick Reply, una piattaforma cloud che consente di connettere i singoli macchinari presenti in una fabbrica costruendone la sua immagine digitale al fine di ottenere quei benefici propri delle tecnologie in ambito Industria 4.0. Brick Reply abilita la comunicazione tre gli elementi tradizionali del processo produttivo con i dispositivi fisici digitali (sensori, robot ed impianti). La piattaforma sta crescendo con lo sviluppo di applicazioni verticali che fanno leva su sistemi di Artificial Intelligent. Sulla piattaforma Brick Reply, il Politecnico di Torino implementerà vari moduli software per integrare le tradizionali operazioni delle funzionalità MES (Manufacturing Execution System) di Brick con le peculiarità del processo Additive; i moduli realizzati riguarderanno inizialmente il controllo e la gestione della produzione sia a livello di macchina additive individuale che a livello di linea di produzione interamente additive.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore