Lumix S, ecco come Panasonic pensa le sue mirrorless fullframe

Workspace

La nuova serie di fotocamere mirrorless di Panasonic, Lumix S, segna l’arrivo di un’ulteriore proposta nel mercato dei sensori full-frame. Arrivano le riprese 4K 60p

Panasonic annuncia lo sviluppo di due nuovi modelli di fotocamera digitale. Si tratta di due mirrorless, dal respiro professionale, con obiettivo singolo intercambiabile, ma – attenzione! – con un sensore Full-Frame da 35mm, che contribuisce a ‘scaldare’ ulteriormente una stagione che complessivamente ha visto una prolungata fioritura di proposte proprio nel pieno formato.

Non solo, se Panasonic da un lato continuerà a sviluppare i sensori micro quattro terzi in cui ha fortemente creduto per anni, ecco che per la prossima evoluzione anche il gigante pensa che la strada da seguire sia necessariamente ripensare a un sensore più grande e quindi anche ad un attacco obiettivi diverso (L-Mount), magari con una forte alleanza come quella con Sigma e Leica. 

Si tratta dei modelli Lumix S1R (sensore da 47 MP) e Lumix S1 (sensore da 24 MP), con evidente vocazione anche alle riprese video, considerate le possibilità di registrare clip con risoluzione 4 K (60p/50p), un dato di targa effettivamente sorprendente, che conferma il DNA di razza di Panasonic nel comparto.

Panasonic Lumix S

Le nuove fotocamere Lumix S beneficiano dell’esperienza della multinazionale giapponese nell’elaborazione delle immagini e del segnale, oltre che nello sviluppo di tecnologie ottiche, di gestione del calore ed altro ancora.

Con Leica L-Mount è possibile l’utilizzo di lenti intercambiabili che coincidono con le caratteristiche L-Mount  della nuova alleanza dei partner Leica Camera, Panasonic e Sigma. Le mirrorless sono dispositivi evoluti ed user-friendly, progettati con una struttura resistente per rispondere alle esigenze dei fotografi, e il display rugged LCD triassiale estraibile. Arriva la messa a fuoco a rilevamento di contrasto che sfrutta la tecnologia Depth From Defocus e algoritmi generati sulla scorta di tecnologie di Machine Learning.

Su questi modelli è prevista doppia stabilizzazione sia sul corpo macchina, sia sulle lenti. I primi obiettivi disponibili saranno un 50mm f1.4, uno zoom 24-105mm e un tele 70-200mm. Quanto serve per coprire la maggior parte delle esigenze fotografiche. Si noti su tutto il gioellino da 50mm con un’apertura ideale anche per le riprese con poca luce.  

Le fotocamere si presentano con lo stabilizzatore d’immagina Dual I.S. doppio slot per le schede di memoria XQD e SD, 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore