Nokia 2, lo smartphone ideale se autonomia e prezzo sono i criteri di scelta

MobilitySmartphone

IN PROVA – Punti di forza di Nokia 2 sono il rapporto qualità/prezzo, l’autonomia e il software Android nudo e crudo. Intorno ai cento euro non si può chiedere di più

Nokia 2, di HMD Global, l’azienda che detiene la possibilità di utilizzare il brand per gli smartphone, è uno smartphone economico, disponibile a un prezzo di listino intorno ai 120 euro, ma in rete acquistabile già a partire da 100 euro. Questa è la caratteristica che deve guidare ogni considerazione nella recensione del modello.

Oltre al prezzo sono altre tre le caratteristiche “chiave”. La prima è la batteria da 4100 mAh che, con le specifiche hardware che vedremo, consente effettivamente di concludere senza patemi due giornate di utilizzo, e di arrivare eventualmente anche a metà della terza, soprattutto risparmiando sulla ricezione GPS.

La seconda è la scelta intelligente di non aver personalizzato in alcun modo il software disponibile, proponendo quindi Android puro e nudo, la terza di non rinunciare a uno chassis robusto, ma ancora con l’accesso interno, quindi con un dorso rimuovibile. E allora entriamo nei dettagli della prova. 

Nokia 2, descrizione e specifiche

Nokia 2 è uno smartphone sobrio, a partire dal display LPTS che si presenta con la diagonale da 5 pollici e risoluzione 1280×720 pixel (294 ppi). La cornice dello smartphone è in alluminio brunito (nella finitura che recensiamo) scuro, molto gradevole,  con in evidenza gli inserti plastici delle antenne, lo smartphone stesso è costruito su un unico blocco, ma l’accesso all’espansione di memoria e alle Sim avviene tramite la rimozione del dorso in policarbonato scuro (sono disponibili anche finiture con il dorso bianco, complessivamente per due diverse colorazioni, ma inizialmente lo smartphone è stato commercializzato con un’unica colorazione).

Nokia 2

Si evidenzia così il doppio comparto separato per due nanoSIM (lo smartphone è dual sim), con la possibilità di espansione della memoria microSD. Sul profilo quindi si trovano solo il connettore per il minijack, il controllo volume e il tasto di accensione.

Nel complesso, per l’utilizzo importante del metallo, si tratta di uno smartphone non leggerissimo (pesa 160 grammi) ma compatto (14,3 x 7,1 x 0,9 cm) , che però proprio per questo offre anche un ottimo feedback e una buona ergonomia, oltre a una protezione minima dalle gocce con la certificazione IP52.

Il dorso evidenzia una piccola fessura per il diffusore (audio mono). Sul profilo inferiore è disponibile l’interfaccia microUSB, classica. 

Il display (Corning Gorilla Glass 3) trattiene abbastanza le impronte, ma l’esperienza non è negativa, si tratta di un pannello luminoso con rapporto di contrasto 1:3000 e anche la risoluzione è più che sufficiente, non sarà questo un aspetto che, considerato il prezzo, possa sollevare critiche. Piuttosto le specifiche hardware sono a loro volta minimaliste. Nokia 2 utilizza la piattaforma Snapdragon 212, un semplice quad-core a 1,3 GHz, che almeno non è avido di risorse.

Purtroppo però arriva con appena 1 Gbyte di Ram e solo 8 Gbyte di memoria interna, comunque espandibili. Sono specifiche per nulla di grido, ma allo stesso tempo, bisogna tenere anche conto che l’utilizzo di questo smartphone potrebbe essere avvicinato a quello di un feature phone evoluto.

Ci spieghiamo: poiché le app di più frequente utilizzo ci sono già tutte e sono quelle previste di base con Android (7.1.1 la versione iniziale proposta), Nokia 2, così come è, assicura una buona esperienza, e la scelta migliore è proprio quella di non snaturarlo. Solo in questo caso infatti ci si accorge che anche 1 Gbyte di Ram, non sarà molto, ma solo in alcune occasioni si rivela davvero insufficiente. 

Nokia 2, il dettaglio della fotocamera

Anche la dotazione multimediale è decisamente sobria. La fotocamera anteriore sfrutta un sensore da 5 MP, invece quella posteriore un sensore da 8 MP. E’ disponibile l’illuminazione a led. 
Invece per quanto riguarda la connettività, noi abbiamo registrato una buona ricettività che non sfigura rispetto a quella di modelli di prezzo e qualità superiore. Il modem è Cat. 4 (Lte), è supportato WiFi ma non ac, Bluetooth 4.1 e la ricezione dei segnali GPS/AGPS/GLONASS/Beidou, e apprezziamo comunque la radio FM integrata, per l’utilizzo della quale serviranno solo le cuffie, che sono comprese nella confezione. 

Nokia 2, esperienza d’uso

Nokia 2 è lo smartphone da scegliere per non avere problemi di autonomia e spendere poco: per questo può essere una buona scelta operativa, anche per una piccola azienda, a patto di utilizzarlo così come è. Allora davvero si fa centro. Così come è a nostro avviso significa anche senza pensare di utilizzare chissà quali applicazioni in più, oltre a quelle già presenti, anche perché degli 8 Gbyte di spazio per lo storage circa la metà si trovano già occupati. 

Android senza personalizzazioni, d’altra parte resta un vero plus. Non da poco: rende possibili prestazioni decorose, anche se non esaltanti, pure su hardware decisamente sobrio come quello proposto nel Nokia 2.

Nokia 2

Chi sceglie questo smartphone non deve puntare nemmeno sulle prestazioni offerte dalla fotocamera, sufficienti, ma fortemente limitate appena la luminosità non è quella ideale. L’esperienza nella quotidianità è buona, ma non è questo uno smartphone comparabile anche solo con le migliori soluzioni fotografiche disponibili spendendo cento euro in più. E HMD Global ha fatto bene, per questo prezzo, a puntare su altro.

Non possiamo consigliare Nokia 2 nemmeno per per i giochi impegnativi, e non è pensato per offrire un’ottima esperienza in questi casi.

Non si tratta di limiti dello smartphone, si tratta di utilizzi per cui Qualcomm mette a disposizione altre piattaforme. Snapdragon 212 è l’ideale per il rapporto prestazioni/consumi e così deve essere utilizzata. Probabilmente con Android Oreo anche Nokia 2 potrebbe guadagnare qualcosa di più. Vedremo quando sarà disponibile l’update. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore