Open Fiber sceglie Italtel per la Network Automation

Banda LargaNetwork
La fibra di Google sfrutterà l'acquisizione di Webpass

Italtel, in un raggruppamento di impresa alla guida di Maticmind, lavora sulla configurazione automatica dei servizi di rete inaugurata in questi giorni da Open Fiber

Italtel, con Maticmind, collabora al progetto di Network Automation per la configurazione automatica dei servizi di rete di Open Fiber, che vuole raggiungere in banda ultra larga circa 19 milioni di edifici e aziende su tutto il territorio italiano.

La scelta è stata solo in parte determinata dalla tecnologia scelta da Open Fiber. L’azienda infatti ha scelto la piattaforma Cisco Network Services Orchestrator (NSO) per automatizzare e semplificare le proprie operazioni massive e fornire i servizi tramite l’automazione di rete, cioè potendo aggiungere, modificare ed eliminare i servizi in modo automatico senza interrompere il servizio complessivo e garantendo attivazioni in tempo reale.

Italtel si è configurata come il partner ideale considerata la sua certificazione proprio sulla tecnologia Cisco NSO, la progettazione di Backbone IP e l’expertise nella capacità di analisi  delle esigenze di progettazione sui servizi di rete nonché la relativa esperienza nell’automatizzazione tramite la “programmazione” della piattaforma Cisco di Network Service Orchestration che opera su tutti i livelli di rete, da quello ottico di accesso e trasporto a quello IP.

Cisco NSO

Così ha commentato Paolo Allegra, responsabile della Product/Solution Unit Infrastructure Integration di Italtel: “Per questo progetto, particolarmente complesso per le caratteristiche di eterogeneità della rete, Italtel ha messo in campo il suo punto di forza che è la capacità di far dialogare tra loro tecnologie differenti e ha dedicato una specifica task force alla progettazione del Backbone IP, dei servizi di rete e alle attività di automazione sulla tecnologia innovativa Cisco NSO di cui siamo provider certificati”.

Il progetto di orchestrazione di rete basato su NSO s’inserisce nel più ampio programma di Network Automation che, utilizzando i paradigmi SDN (Software Defined Network) e  in futuro NFV-MANO (Network Functions Virtualization Management and Orchestration), definisce un’infrastruttura di rete virtualizzata (NFVI) gestita da un’apposita piattaforma di orchestrazione (NFVO).

Read also :