Ottimizzare l’hardware a costo zero

Sistemi OperativiWorkspace

Gli aggiornamenti del firmware sono ben più di semplici eliminazioni di
bug; da diversi prodotti hardware è possibile ottenere maggioriprestazioni caricando un nuovo firmware

Per introdurre delle modifiche nel Bios delle schede grafiche esistono due modalità; la prima consiste nell’usare alcuni editor Bios che consentono la modifica diretta del Bios originale. In questo modo si possono definire per esempio delle maggiori frequenze di clock. In alternativa, il Bios si può sostituire con il firmware di una scheda grafica tecnicamente analoga, ma caratterizzata da prestazioni maggiori. Disponendo del Bios adatto proveniente dallo stesso produttore, le schede Nvidia Geforce FX 5900 si possono trasformare parzialmente nei più veloci modelli FX 5950 Ultra; in ogni caso, la premessa è costituita dal fatto che il chip grafico e la memoria devono essere in grado di sostenere le maggiori frequenze. Per entrambe queste opzioni di tuning è necessario usare un adeguato strumento di flashing per leggere il firmware e caricare sulla scheda grafica il Bios nuovo o modificato. I programmi dedicati alle schede grafiche con chip Ati e Nvidia sono disponibili su Internet presso siti quali mvktech.net. Questa procedura risulta particolarmente comoda nel caso delle schede grafiche Ati usando lo strumento Winflash. Questo strumento consente l’accesso direttamente da Windows. Con la pressione di Load Image vengono lette le informazioni del Bios, che vengono memorizzate sotto forma di file Bin usando l’opzione Save. Program riscrive il firmware. Per le schede dotate di chip Nvidia, Nvflash (versione attuale 4.46) richiede il passaggio attraverso il prompt del Dos e l’uso di un dischetto di avvio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore