Perché Apple si compra Shazam

AcquisizioniAziende
Presto Shazam permetterà il riconoscimento degli oggetti nei negozi

Apple compra Shazam. La strategia di Cupertino è di forzare la mano nei servizi mobile, per portarsi in una posizione di vantaggio anche nell’elaborazione dei dati di consumo e avvantaggiarsi nell’advertising 4.0

Secondo fonti Web autorevoli Apple avrebbe finalizzato l’acquisizione di Shazam per circa 400 milioni di dollari. L’acquisizione è ufficiale, la cifra invece no. Shazam, lo ricordiamo, è l’applicazione mobile che permette il riconoscimento dei brani musicali con lo smartphone semplicemente attivando il microfono per permettere il riconoscimento dei brani in quel momento trasmessi in qualche modo da fonti esterne.

L’app “cattura” la musica confronta la traccia con il proprio database ed emette il responso sul titolo del brano, ovviamente più la traccia catturata corrisponde a quella “originale” più facile e possibile sarà il riconoscimento del brano. 

Shazam è comunque un servizio ben più antico della app economy, nata già negli anni 2000 allora il servizio era attivabile tramite i cellulari digitando un numero per ricevere poi via SMS il responso. 

L’acquisizione di Shazam da parte di Apple ovviamente rientra essenzialmente nella strategia sulla “guerra dei database” per avere il maggior numero di dati utili possibili dagli utenti.

Shazam vale un miliardo di dollari
Shazam, è stata valutata anche un miliardo di dollari pur con un modello di business oggettivamente difficile da rendere virtuoso, pesa il valore dei dati

Shazam infatti è infinitamente più utilizzata delle app di Apple per la musica – conta circa un miliardo di utenti – permetterà ad Apple di avere un quadro preciso di chi ascolta che cosa. Il motore di Shazam inoltre potrà aiutare Siri, potrebbe anche agevolare ulteriormente lo sviluppo di servizi per ora possibili solo in forma combinata tra più app.

Per esempio anche su iOS la possibilità non solo di riconoscere e ascoltare la musica ma anche di proporre lo streaming del testo, con un’unica “super app”.  Si può già acquistare direttamente su iTunes Store il brano “identificato”, è chiaro che si andrà molto oltre. 

La cifra di 400 milioni di dollari – se fosse ufficiale – sarebbe a tutto vantaggio di Cupertino, considerata la valutazione in una delle ultime raccolte fondi di circa un miliardo di dollari, per quanto il modello di business di Shazam evidentemente di suo non si sia rivelato nel tempo particolarmente virtuoso.  Comunque a partire dal 2012 Shazam ha incassato oltre 32 milioni di dollari di finanziamento, con centinaia di milioni di utilizzatori unici ogni mese.  

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore