Polycom, la comunicazione video e voce per le PMI e le grandi aziende

MobilityNetworkVoipWorkspace

Con i telefoni VVX, le soluzioni Trio 8800 e 8500 e Visual Plus, Polycom abilita le comunicazioni voce e video in ogni contesto. Le potenzialità delle soluzioni

L’ambizione di Polycom, di recente acquisita da Plantronics, è quella di offrire soluzioni voce e video per la comunicazione aziendale, sia interna, sia con i partner.

Per questo nel suo portafoglio prodotti si trovano sistemi di telefonia, come i VVX 501 e 411 così come un modello di fascia ancora superiore, VVX 601, così come verso il basso sistemi entry level, come per esempio il modello VVX 201. Tutti questi modelli dispongono della tecnologia Acoustic Fence che crea una sorta di bolla virtuale per isolare il comunicante.

Polycom VVX 601

La proposizione si innesta per affinità elettive nella scelta di ambiente di integrazione nativa con Skype for Business di Microsoft, anche se Polycom è aperta al supporto di altri ambienti come per esempio Open Sip.

 Sempre per quanto riguarda l’aspetto fonia Polycom prevede poi una serie di soluzioni per gli spazi di collaborazione, con VoxBox, per gli smartworker o i piccoli spazi di collaborazione, con la nuova soluzione Trio 8500 (sale di medie dimensioni) con audioconferenza evoluta, ed eventualmente estendibile come soluzione di videocollaborazione e condivisione del contenuto, per poi passare al modello Trio 8800.

VoxBox e Trio 8500, le soluzioni più recenti, sono nate con l’obiettivo di estendere la scelta di soluzioni per ogni target.
Parliamo delle soluzioni e degli ambiti di utilizzo con Andrea Recupero, SE Voice, South Emea di Polycom. Ed entriamo così nel dettaglio.

Polycom VoxBox

VoxBox porta in mobilità l’esperienza dell’alta definizione voce di Polycom, a 14 Khz, con Noise Block, tecnologia mutuata dai Trio 8800 e 8500 e declinata in mobilità, che serve per riconoscere in modo intelligente quando una persona sta parlando i rumori di fondo, con distinzione delle frequenze sia associate alla voce umana sia ai rumori di fondo, come la digitazione sulle tastiere. 

VoxBox è in pratica una piccola “scatoletta” in alluminio (certificato IP64, autonomia di 6,5h in uso), che si collega via Bluetooth e si ricarica tramite USB al laptop per offrire un’esperienza ottimale di confcall con Skype for Business, pur restando aperto anche ad altre applicazioni, la parte di telefonia in questo caso è ovviamente gestita o dal cellulare collegato via Bluetooth o dal PC. La copertura è di circa 3 metri, ideale per i piccoli uffici. 

Trio 8500 si qualifica invece prima di tutto per la capacità di proporsi trasponendo nell’interfaccia la stessa esperienza di Skype for Business, in modo da offrire tecnologia fruibile, semplificata, sviluppando una modalità di accelerazione della tecnologia in ambito enterprise. Chi sposa Skyper for Business e utilizza già una soluzione Polycom può così ritrovare gli stessi comandi con semplicità. 

Trio e Visual Plus per abilitare la comunicazione voce e video

Insomma, i tre pilastri fondamentali dell’esperienza restano: workspaces – quindi soluzioni che soddisfino la comunicazione negli spazi di collaborazione -, la user experience e il workflow (per non costringere aziende e clienti a cambiare ma adattare le soluzioni agli ambienti).

Da qui anche l’integrazione nativa con i sistemi Microsoft Exchange di Calendario, la possibilità di creare meeting invitando persone fisiche o sale (che hanno un accesso quindi su Active Directory così come sono, come device, per esempio nel caso dei Trio inseriti in una sala e assegnati a una sala). Anche sui Trio ovviamente è presente la tecnologia Noise Block. La copertura di Trio 8500 è di circa 4,3 metri di raggio, estensibile con i microfoni di espansione.

Polycom VVX, Trio 8800 e 8500, VoxBox, la videocamera Eagle Eye e (nascosto) Visual Plus possono soddisfare le esigenze di comunicazione dalla PMI all’Enterprise

Immaginiamo uno scenario concreto di installazione con quattro utenze: un Polycom VVX 411, associato ad un PC con il sistema Better Togheter per abilitare il Click to Call (la chiamata parte dal VVX tramite il PC, ma si usa il telefono come device audio), lo stesso si può fare estendendo la comunicazione al Trio nella meeting room (e in modalità federata su Skyper for Business persino se ci si trova all’esterno di un’organizzazione), passando da un lato da computer a telefono per assicurarsi la qualità audio ottimale, ma sfruttando il device con cui siamo più familiari.

Poiché è possibile separare anche il flusso audio e video, con il video gestito dal client, poi è possibile collegare il Trio sfruttando Collaboration Kit, quindi condividendo anche i contenuti dal client Skype for Business.

Polycom Trio 8800

Con Trio 8800  si abilita l’esperienza su sale ancora più importanti, con 6 metri come raggio di copertura e di nuovo la possibilità di espansione. Parliamo anche in questo caso della possibilità di abilitare oltre all’esperienza audio quella video grazie al device Visual Plus . 

Si abilita l’esperienza video attraverso una porta Hdmi, Ethernet e con le videocamere Polycom collegate via USB. Visual Plus è l’abilitatore tecnologico per la videocomunicazione. Mentre Polycom Trio 8500 però supporta una camera EPTZ ed è dedicato alle Huddle Room, il Trio 8800 ovviamente soddisfa gli stessi bisogni ma anche quelli di conferenze in sale più ampie grazie alla nuova videocamera, Eagle Eye USB con Zoom ottico 12X (con supporto anche per lo spostamento dell’inquadratura), Trio 8800 inoltre supporta per il collegamento con un device sia NFC sia Bluetooth, mentre Trio 8500 solo Bluetooth.

Polycom Trio 8500

Importante sui Trio è la possibilità di registrare diverse linee già abilitate su un unico dispositivo: per esempio oltre a Skype si può abilitare anche una linea per Zoom, BlueJeans, ,Open Sip Polycom o un altro centralino.  Ovviamente è possibile mettere in comunicazione più utenze anche non omogenee (quindi con alcuni utenti collegati solo in audio e altri in audio/video).

Per quanto riguarda la condivisione dei contenuti, Visual Plus permette di convidere con diversi strumenti grazie al supporto di AirPlay e Miracast in locale (per esempio per le presentazioni con Windows 10 o Android che riconoscono il Trio e vi si collegano).

Spiega Recupero: “Indirizziamo con queste soluzioni sia il mercato SMB sia quello enterprise”. Il “ragno” (per la sua forma) Polycom soddisfa infatti l’obiettivo di avere un’unica soluzione per condivisione di contenuto, audio, video e collaboration. Si parla orientativamente di soluzioni che vanno da poche centinaia di euro, fino a 2000 euro per soluzioni comprensive di Collaboration Kit.

Andrea Recupero – SE Voice South Emea Polycom

Si paga il device tout court che ovviamente poi si lega in cloud con l’offerta Office 365. Uno scenario tipico può portare ad avere per esempio una sincronizzazione nativa tra PC e telefoni VVX che con Better Togheter consenta pertanto di bloccare con un’unica mossa sia il PC che il telefono (che magari ospita Rubrica e Calendario riservati).

L’integrazione con Exchange permette come accennato di creare un meeting con Skype, invitare i partecipanti, e partecipare al meeting da qualsiasi postazione mi sia messa a disposizione device di computing o soluzioni Polycom che siano, senza digitare codici (perché l’invito è legittimato da Active Directory). In roadmap l’azienda prevede di sviluppare ulteriormente l’ecosistema Trio, secondo i trend emergenti, e l’appuntamento è fissato per giugno.

In azienda il “telefono” resta un device particolarmente richiesto. La voce è un mercato decisamente in crescita, meno vincolante dal punto di vista tecnologico, sia con Microsoft sia in ambito Open SIP, grazie anche alle consolle di espansione (per i VVX) e alla possibilità di utilizzare headset via USB.

Il mercato solo voce (telefonia), in percezione è ancora oggi preponderante in uno scenario Skype for Business, con il 70 percento di prevalenza e ancora in crescita. L’esperienza audio ottimale resta il primo tassello indispensabile per una comunicazione efficace.     

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore