Primo banco di prova per la fattura elettronica: la detrazione Iva

Autorità e normativeNormativa

La scadenza per la liquidazione periodica dell’Iva, per i contribuenti che hanno optato per il mese e non per il trimestre, il 19 febbraio è il primo giorno in cui si capirà se incorreranno o meno in sanzioni legate alle novità sulla fattura elettronica. Dichiarazione dell’ODCEC

Sulla fatturazione elettronica si fa vivo il problema, a detta dell’Ordine dei Commercialisti, della detrazione dell’Iva, specie per i contribuenti mensili che entro il 16 di ogni mese devono provvedere alla liquidazione periodica del tributo.

Quindi, il primo banco di prova per questi contribuenti è stato il 16 febbraio, ma essendo sabato, la scadenza è slittata al primo giorno non festivo successivo, quindi lunedì 18 febbraio. Il 19 febbraio, dunque, sarà il ‘banco di prova’.  Soprattutto, secondo quanto riporta Agi, il 19 è l’ultimo giorno per non incorrere in sanzioni e inviare la fattura elettronica allo SDI.

Nel frattempo, a margine del convegno sulla Manovra 2019, che ha visto l’intervento del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Stefano Buffagni, Guido Beltrame, Consigliere dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (ODCEC) di Milano, ha posto in essere un problema che, evidentemente, attanaglia la categoria.

ODCEC – Milano (logo)

Se il rinvio della fatturazione elettronica non poteva essere inserito nella Legge di Bilancio per questioni di gettito – dice Beltrame – ci aspettavamo almeno che venisse prevista non solo una moratoria per l’invio tardivo delle fatture elettroniche, ma che venisse anche disciplinata la possibilità di detrarre comunque l’IVA sugli acquisti e dedurre i costi effettivamente sostenuti. Il maggior gettito atteso deve derivare, infatti, dalla vera lotta all’evasione e non dalle difficoltà e dall’impossibilità di detrarre IVA e dedurre e costi sostenuti, un sacrosanto diritto dei contribuenti. Le prime informazioni che stiamo ricevendo ci dicono, invece, che molti stanno rinunciando, per cause di forza maggiore a vedersi riconosciuti gli effettivi oneri sostenuti”.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore