Qualcomm accusa Apple: spiffera in nostri segreti a Intel

Aziende
MWC 2017 - Qualcomm Snapdragon 835 per VR e LeapMotion

La querelle tra Qualcomm ed Apple pare senza fine. Ora il produttore dei chip per smartphone accusa Apple di aver condiviso preziose informazioni commerciali con Intel

Si apre un nuovo capitolo del confronto legale che vede impegnate Qualcomm e Apple sul tema dei brevetti a partire dal 2017. L’anno scorso l’azienda di San Diego aveva segnalato che le era stato inibito il controllo del codice sorgente del software e degli altri tool che condivideva con Apple, oggi invece l’azienda accusa la società di Cupertino di aver sfruttato queste informazioni per aiutare Intel a superare alcuni problemi tecnici dei suoi chip.

La querelle in queste ore si è arricchita di nuovi dettagli e in particolare, nelle scorse ore, a San Diego, il consigliere generale di Qualcomm, Donald Rosenberg, ha presentato un’ingiunzione in tribunale e dichiarato: “L’utilizzo illegale dei preziosi segreti commerciali di Qualcomm per cercare di aiutare un concorrente ci danneggia gravemente e non deve più continuare“.

Donald J. Rosenberg – Executive Vice President, General Counsel and Corporate Secretary  dell’azienda

A entrare nei dettagli della questione è la Cnbc che proprio ieri ha pubblicato un articolo in cui spiega come Qualcomm accusi Apple di aver sottratto una vasta serie di informazioni riservate e di segreti commerciali allo scopo di migliorare le prestazioni dei chip di intel.

La questione andrà semplicemente ad aggiungersi alla serie di accuse/risposte reciproche tra Apple e Qualcomm, anche se proprio secondo Rosenberg, questa invece sarebbe un’accusa da valutare e chiudere a parte, indipendentemente dalla disputa in corso.

La disputa di cui parliamo, apertasi a Novembre, riguarda la presunta violazione da parte di Apple di un accordo per cui da quando Apple ha iniziato a utilizzare i chip di Qualcomm sugli iPhone, sarebbe stata prevista la possibilità per Qualcomm di verificare che il software e il codice sorgente condivisi con Apple fossero adeguatamente protetti e invece Apple avrebbe impedito questa possibilità.

Ora, secondo l’ultima accusa del produttore di chip ad Apple la vicenda sarebbe ancora più grave perché non solo Apple avrebbe impedito quanto promesso negli accordi di utilizzo, ma – sempre secondo le fonti della Cnbc americana –  avrebbe condiviso con Intel codice sorgente e altre informazioni. Non sono in ogni caso state fornite prove dirette da parte di Qualcomm e al momento non siamo a conoscenza di repliche ufficiali alle accuse da parte di Apple e Intel.

Per saperne di più: Tutte le dispute Qualcomm/Apple

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore