Retelit collega Roma e Milano a 200 Gbps di velocità

NetworkReti e infrastrutture

Il progetto prevede duecento Gigabit/s e in doppia via lungo la dorsale appenninica e una lungo quella tirrenica, tutto questo grazie all’infrastruttura in fibra ottica di proprietà di Retelit, per una capacità totale di 20Tbps

Duecento Gigabit/s e in doppia via lungo la dorsale appenninica e una lungo quella tirrenica, tutto questo grazie all’infrastruttura in fibra ottica di proprietà di Retelit, per una capacità totale di 20Tbps. Questo in sintesi il progetto, per una rete di più di mille chilometri senza rigenerazione, ad alta velocità e bassa latenza, tramite l’infrastruttura ridondata e diversificata di proprietà dell’operatore.
Roma, Milano e viceversa sono collegati tramite un primo percorso, via Firenze e Bologna, e un percorso diversificato di protezione, sulla dorsale tirrenica, passando per Torino, Alessandria, Genova e Livorno. 
A completamento del progetto la tecnologia trasmissiva a 200 Gbps è implementata anche in ambito metropolitano e urbano: a essere collegati ad altissima velocità non sono solo i Data Center Retelit di Roma e Milano ma anche tutti i Data Center strategici delle due aree, da Equinix, Data4, Supernap, Aruba e il polo di via Caldera a Milano, al Namex e al Tecnopolo Tiburtino a Roma. 

200 Gbps – Retelit

“Nel 2013 avevamo già dimostrato di essere i primi ad adottare tecnologie innovative, più performanti e veloci, introducendo il servizio commerciale a 100 Gbps di collegamento tra Roma e Milano, oggi siamo orgogliosi di annunciare un nuovo primato, il nostro è il primo e unico sistema a 200 Gbps in Italia che connette una tratta così lunga, per una capacità complessiva superiore ai 20 Tbps. I nostri clienti, operatori nazionali e internazionali da un lato e aziende dall’altro, da oggi potranno disporre di una rete di servizi trasmissivi a 200 Gbps sfruttando al massimo la potenza di banda della fibra ottica con il servizio commerciale a 200 Gbps; velocità in grado di supportare applicazioni ultrabroadband legate al mondo dell’IoT, dei Big Data, degli Analytics, dell’Intelligenza Artificiale e dei servizi video ultra HD. Questo nuovo traguardo contribuirà a far diventare più competitive sul mercato le aziende che ci sceglieranno”, commenta Federico Protto, Amministratore Delegato di Retelit.

Alla base del nuovo traguardo raggiunto relativamente al backbone Retelit, il primo a 200 Gbps in Italia tra Milano e Roma, ci sono la tecnologia d’avanguardia e di ultima generazione Multi-Long Haul HIT 7300 Coriant e le fibre ottiche Retelit della più alta qualità. Il sistema ha superato con successo sessioni prolungate di stringenti test tecnici sulle due vie, le cui latenze si attestano su livelli minimi sia per la tratta appenninica che per quella tirrenica.
Il Gruppo ha già previsto entro fine anno la sperimentazione del prossimo step evolutivo, ovvero il sistema a 400 Gbps

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore