Synology pronta con le novità 2019 per storage, backup e rete

CloudDataNetworkReti e infrastruttureStorage

Synology con le novità 2019 si candida ad offrire molto più che solo storage. Ecco le novità del nuovo OS DSM 7.0, le soluzioni per il backup gratuito e completo, il Mesh Router MR2200ac e i passi avanti con il deep learning per riconoscimento immagini e prevenzione sui guasti dei dischi

Synology conta nel mondo ben 5,9 milioni di unità NAS attive, ha incrementato i propri ricavi del 20 percento anno su anno e soprattutto ha saputo crescere anche nel segmento dei modelli enterprise (+30 percento). La ricetta dei buoni risultati arriva sulla scorta di una strategia semplice basata su tre pilastri – Innovazione, Stabilità e Sicurezza – sfruttando l’expertise nei quattro comparti chiave del proprio business: Storage, Backup, Networking e Deep Learning.

La stabilità è frutto del sistema operativo DSM 6.2 (è in arrivo la versione DSM 7.0, ne parliamo più avanti), sviluppato grazie anche alla partecipazione di ben 71mila NAS al programma di sviluppo.

La bontà delle soluzioni storage arriva invece da Synology Drive, che rappresenta il Controller Unificato e innovativo in grado di soddisfare anche le esigenze enterprise; Synology offre la soluzione Active Backup Suite in modo del tutto gratuito e senza licenze per offrire backup sicuro e avanzato senza ulteriori spese, anche in versione Business.

Grandi novità anche in ambito networking con l’arrivo di Synology Mesh Router MR2200ac e per il deep learning Synology non sfodera solo l’intelligenza di analisi al servizio di Synology Surveillance Station DVA, ma anche le capacità predittive sul default degli hard disk. E allora entriamo proprio nei dettagli della proposta prodotto per il 2019.  

DiskStation Manager 7.0 (DSM 7.0)

Il sistema operativo principale dei NAS Synology, con l’aggiornamento 7.0, porta un’interfaccia ridisegnata e soprattutto un’esperienza mobile ridefinita, con più tool di protezione dei dati. Il programma Beta verrà rilasciato durante il primo trimestre del 2019, la beta lascerà subito apprezzare i nuovi design diversi nella pagina di login, sul desktop e nelle finestre con una tonalità di colore complessivamente più chiara e con colori più caldi.
Sono stati inoltre aggiunti oltre 1.500 messaggi interattivi per consentire ai responsabili IT di individuare rapidamente i problemi, risolvendoli così in poco tempo.

Tutta rinnovata l’esperienza in mobilità: gli utenti possono accedere al DSM sui loro dispositivi semplicemente scansionando il QR code dalla DS finder App.

DSM 7.0 Riconoscimento con QR Code
DSM 7.0 Riconoscimento con QR Code

E per quanto riguarda la sicurezza: la tecnologia esclusiva di ricostruzione rapida dell’hard disk consente di ridurre notevolmente i tempi di lavoro in base all’utilizzo dei dati. La velocità può essere aumentata fino del 40%ì percento, mantenendo bassi i rischi per il sistema.

Abbiamo accennato alle capacità predittive delle tecnologie ML che saranno incluse; sulla scorta di un’esperienza maturata su tre milioni di hard disk arriva quindi la tecnologia di prevenzione dei danni al disco invia una notifica al momento del rilevamento di un pericolo. Infine, i pacchetti CMS aggiornati consentono ai NAS Synology di gestire fino a 10mila NAS.

Nuovo il controller Dual-active Unified Controller UC300, che fornisce un servizio ininterrotto per le aziende. Synology offre quindi un server dedicato iSCSI dotato di un controller dual-active, e basato su Intel Xenon D-1521 che garantisce un servizio senza interruzioni in caso di incidente, fornendo stabilità e disponibilità dei dati.

Lato backup ecco Active Backup Suite destinata al mercato del backup aziendale. Synology rilascerà la soluzione Active Backup Suite senza licenza, permettendo agli utenti di proteggere i propri dati memorizzati in infrastrutture fisiche, virtuali e cloud su un’unica piattaforma. Ciò rivoluzionerà i processi peculiari del mercato del backup, che combinano le vendite di hardware a quella della licenze software. Il backup di livello aziendale diventa di conseguenza più accessibile.

Active Backup Suite comprende la versione ufficiale rilasciata di Active Backup for Business e Active Backup for G Suite, e l’Active Backup for Office 365 attualmente disponibile, offrendo una protezione completa dei dati aziendali con la soluzione di backup all-in-one su infrastruttura fisica, virtuale e cloud su un’unica piattaforma.
Di seguito le caratteristiche nel dettaglio:

• La Soluzione di backup aziendale all-in-one  consente una protezione comprensiva per i dati più importanti salvati sui computer o server Windows, macchine virtuali VMware e file server (supporto a SMB e rysinc)
• Supporto al backup “bare-metal” e ripristino con l’agent Active Backup, gli utenti possono condurre backup basati sugli snapshot per proteggere i carichi di lavoro sui computer o server di Windows.
• Per VMware vSphere, gli utenti hanno la facoltà di proteggere i carichi di lavoro virtuali senza installare nessun agent.
• La tecnologia di deduplicazione dei dati globali è in grado di funzionare su diversi dispositivi e piattaforme e ripulire i backup ripetuti, riducendo così lo spazio occupato dal puro data storage.
• Il Changed Block Tracking (CBT) identifica e trasferisce solo i changed block in modo da accorciare drasticamente il tempo di backup.
• Le versatili soluzioni di istant restore consentono di ripristinare i dati partendo da singoli file, istantaneamente e ripristinare la VM, e il ripristino istantaneo in Synology Virtual Machine Manager (VMM), e altro ancora.

E sempre per il backup, ma in cloud, Synology già a marzo ha rilasciato Synology C2 Backup. Quando si gestiscono numerosi processi di lavoro su NAS, la protezione dei dati diventa essenziale. Al fine di consentire agli utenti di implementare il backup off-site in modo semplice e lineare con Synology C2 Backup nel 2017 viene proposta una vera e propria architettura cloud: Synology C2 Backup si interfaccia con la prossima generazione di cloud computing definita da una strategia multi-cloud.

Mesh Router MR2200ac

Synology si concentra da tempo sullo sviluppo software, per migliorare la sicurezza e la gestione della rete. Il primo mesh router Synology MR2200ac è dotato del sistema operativo Synology Router Manager 1.2 (SRM 1.2). Oltre alla copertura Wi-Fi estesa che offre una connessione Internet veloce e affidabile, l’interfaccia intuitiva consente agli utenti di comprendere, monitorare e proteggere ulteriormente la propria rete domestica.

Synology MR2200AC

Il nuovo pacchetto Safe Access consente agli utenti di stabilire diverse regole per monitorare l’utilizzo di Internet su ogni dispositivo e tenere così sotto controllo gli attacchi, salvaguardando i dispositivi di rete e facilitando la gestione della sicurezza per gli utenti domestici e aziendali.
Oltre alle applicazioni già citate, Synology ha annunciato la nuovissima funzione di file streaming nell’applicazione collaborativa di file sharing Drive, la tecnologia di correzione delle immagini basata su tecniche di Deep Learning su Moments, l’integrazione tra i prodotti Synology e gli assistenti vocali intelligenti, come Alexa e Siri, Surveillance Station DVA che è integrato con tecniche di Deep Learning.

Vediamo in dettaglio che Mesh Router MR2200ac sfrutta il chipset Qualcomm IPQ4019 quad-core SoC, offrendo connettività  AC2200, Wave 3.

Si tratta di uno dei primi modelli certificati WPA3 in grado di operare in modo indipendente o di formare un sistema Wi-Fi mesh con più router. Gli utenti hanno a disposizione una singola dashboard Wi-Fi, con tutti i nodi Wi-Fi e i dispositivi wireless che sono disponibili attraverso la mappa di visualizzazione, consentendo di controllare lo status di connessione di rete e avere accesso alle opzioni Wi-Fi avanzate.

E soprattutto si segnala quella che è tra le più avanzate tecnologie mesh: può regolare dinamicamente la topologia di rete migliore (2,4 GHz, 5 GHz o Ethernet) tra altri nodi MR2200ac e dispositivi di rete, garantendo la connessione Internet più veloce.
La configurazione di MR2200ac ovviamente è  tramite un browser o un router DS, che configurerà e ottimizzerà automaticamente la rete mesh. Molto buono il prezzo (113 euro, Iva esclusa).

Videosorveglianza e ‘intelligenza’

Synology è convinta che grazie al Deep Learning sia possibile mantenere un’esperienza di alta qualità per i nostri utenti. L’anno prossimo Synology aggiungerà per la prima volta tecniche di Deep Learning ai suoi più noti pacchetti Surveillance Station, rilasciando la funzione di analisi video avanzata Deep Video Analysis (DVA). Presenterà inoltre DS1419dva, il primo prodotto hardware dotato di DVA, con NVIDIA GeForce GTX 1050 Ti.

La tecnologia DVA è incorporata per aumentare l’accuratezza del riconoscimento degli oggetti e centralizzare le risorse di computing e il costo degli investimenti. Sono preveiste sei regole di riconoscimento dell’immagine nel DVA, tra cui il riconoscimento degli oggetti, degli spostamenti, nessuna zona oscura, conteggio delle persone, oggetti “non identificati” e mancanti. Queste regole lo rendono ideale per applicazioni nel settore del commercio al dettaglio, fornendo una gamma completa di sicurezza sia per l’utente domestico che per i centri commerciali.

Per quanto riguarda il riconoscimento delle immagini invece ecco la prima soluzione di Synology che sfrutta i modelli di deep learning per categorizzare automaticamente le foto in base alla location, ai visi e ai soggetti: Moments, che nell’ultimo aggiornamento include le seguenti caratteristiche: riconoscimento intelligente delle foto duplicate; aggiunta di strumenti di correzione intelligente, tra cui la correzione colore e il raddrizzamento delle foto, Supporto a IOS Live Photo, Synology Application Gateway (SAG), capacità di connettere più server (gli utenti dovranno memorizzare un solo portale web, facilitando così l’implementazione su larga scala e aggiungendo un livello di protezione supplementare ad ogni NAS), supporto alle app Synology – Drive (file-sharing collaborative), Chat (app di messaggistica business), MailPlus (mail server) Calendar. Contact (app per la gestione dei contatti) verrà lanciata presto consentendo l’integrazione tra diverse applicazioni sui NAS.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore