Tech Invest Europe 2018, dalle relazioni one to one al successo delle start-up

AziendeStart Up

A Milano si è tenuta la prima edizione italiana di Tech Invest Europe 2018, l’evento di NetMedia Group pensato per far incontrare senza filtri gli investitori in cerca di giovani talenti, le startup e le realtà pre IPO che si preparano al grande salto

Si è di recente conclusa a Milano la prima edizione italiana di Tech Invest Europe 2018. L’evento organizzato e ideato da NetMedia Group che ha come primo obiettivo quello di far incontrare direttamente, senza filtri, start up e realtà pre IPO con i più influenti investitori europei.

Hanno partecipato all’evento, presso Copernico Martesana, decine e decine di realtà scelte tra una selezione delle migliori aziende tecnologiche a livello europeo e altrettanti investitori.

Brillante la formula scelta, per un evento concentrato in mezza giornata di intensi lavori.  Si sono alternati così brevi e focalizzati keynote degli speaker tra cui rilevanti realtà di Venture Capital come P101 Ventures, MGH7 Venture, Hephaestus, Innogest, Inbuond Capital, ma è stato lasciato ampio spazio per ascoltare le esperienze di aziende già “maturate” come D-Orbit e Nostrum, con assolute protagoniste però sempre le startup che hanno potuto sfruttare la propria sessione di presentazione dei progetti e offrire i chiarimenti richiesti in sessioni lampo veloci, cadenzate, in modo da consentire alla giuria di prestigiosi esperti, tra cui il Ceo di NetMediaEurope Pascal Chevalier, di valutare la bontà degli stessi. 

Tredici, complessivamente le esperienze valutate riconducibili a realtà italiane e straniere: Adzuki, Auromoney, Creactives, HiBye, Wonderstore, Lifedata AI, Mile, MyToz, Secretairy, StudyTracks, StyleRepublica, Trustless AI e We Care si sono succedute così sul palco davanti a un centinaio di presenti. 

Pascal Chevalier, Ceo NetMediaEurope Group

Di pregio la varietà dei progetti presentati, nell’ambito fintech, come nel caso di Auromoney, oppure nell’ambito distributivo con le soluzioni WonderStore per il monitoraggio dei flussi nei negozi, o con la proposta per velocizzare l’esperienza d’acquisto di StyleRepublica

Molto originale, per esempio, la presentazione MyToz realtà che propone la distribuzione di smartphone in una sorta di comodato d’uso gratuito comprensiva di traffico Internet, telefonate e messaggi per tutti coloro che accettano di visualizzare come sfondo del display immagini pubblicitarie, ma non nella formula solitamente scelta in questi casi che prevede l’obbligo di compiere azioni prima di poter utilizzare effettivamente lo smartphone. 

La formula dell’evento è risultata interessante perché in grado di conciliare le esigenze di mantenere prioritari i momenti di confronto one-to-one, offrendo però anche ai giovani presentatori delle proprie iniziative contenuti di livello per comprendere ancora meglio come si muovono i loro finanziatori e a tutti spunti di riflessione su quali sono i progetti al momento in grado di riscuotere maggiore o minor successo e quindi su cui investire. 

Tech Invest Milan 2018

Tra le originali iniziative presentate a questa prima edizione di Tech Invest 2018 (Milan) sono stati evidenziati dalla giuria di esperti i progetti StudyTracks e Mile.

Per comprendere la prima idea, StudyTracks, basta pensare a quanto a volte sia facile ricordare strofe e ritornelli di canzoni o lunghi fraseggi rap rispetto a quanto tempo richieda l’apprendimento degli argomenti di scarso interesse come le lezioni scolastiche …

StudyTracks consente a insegnanti e allievi di mettere in musica le lezioni sui più svariati argomenti per un più rapido apprendimento delle nozioni. L’esempio cui vi guidiamo con questo link è del tutto esemplificativo e interessante dell’approccio all’insegnamento multimodale utilizzato. 

Mile con l’applicazione Runnin’City ha già dato prova delle proprie capacità nell’ambito della realizzazione di applicazioni mobili che coniugano posizionamento geografico e potenzialità dei dati (turistici, di inquinamento, meteo, salute, ecc.). In particolare l’applicazione Runnin’City, ri-presentata all’evento permette di scoprire più di 150 città nel mondo, correndo (o camminando). In pratica gli utenti sono guidati da un GPS vocale attraverso i percorsi selezionabili tutti concepiti per fargli scoprire i punti più interessanti della città; un sistema di audio guida mentre si corre o si passeggia descrive tutti i punti di interesse (monumenti, siti naturali, quartieri, ecc.) che si incontrano sul percorso.