Telecom Italia, Telefonica sigla accordo con Telco

AziendeMarketing
Vivendi sfiorerà il 15% di Telecom Italia

In base all’intesa, Telefonica salirà dal 46% al 65% di Telco, la holding che detiene il 22,4% di Telecom Italia. Incognita scorporo rete

Telecom Italia e Telefonica hanno messo nero su bianco l’accordo: gli spagnoli saliranno dal 46% al 65% di Telco, la holding che detiene il 22,4% di Telecom Italia. Telecom Italia entra dunque nell’orbita del gruppo iberico guidato da Cesar Alierta, che ottiene l’opzione a salire al 70%. Le azioni Telco (e dunque Telecom) sono state valutate 1 euro (contro i 59 centesimi della quotazione). L’accordo avviene in parte debito e in parte equity.

Il presidente di Cdp, Franco Bassanini, aveva negato ogni coinvolgimento di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), per non ventilare l’idea di una ri-nazionalizzazione in Italia.

Rimane però aperto il dilemma sullo scorporo della rete, dopo il botta e risposta, ieri, fra un membro dell’AgCom e l’Ad Patuano e il presidente di Telecom, Franco Bernabè. Telecom ha indetto il Cda il 3 ottobre, per presentare il piano industriale: lì sapremo che fine faranno Tim Brasile e lo spin-off della rete.

Altra questione che resta aperta è la necessità di un aumento di capitale: servono almeno 5-6 miliardi di euro da iniettare in Telecom Italia, per evitare il downgrade del titolo a livello junk. E per giocare la partita dell’innovazione con l’upgrade della rete fissa: l’investimento richiesto oscilla fra i 3 ed i 4 miliardi, per portare la fibra ottica direttamente in casa, dando l’addio alla saga dell’ultimo miglio.

Infine, vedremo se Telco sopravviverà fino a marzo, non avendo più senso di esistere dopo l’uscita dei soci italiani: Generali (30,58%), Intesa Sanpaolo e Mediobanca (11,62% ognuna).

Telecom Italia ha 28.8 miliardi di euro di debitti netti. Gli asset di telefonia mobile (Tim e Tim Brasil) sono valutati 25 miliardi di euro. Telefonica ha 66,8 miliardi di debiti finanziari e un patrimonio netto tangibile negativo per 22,4. Il gruppo di Alierta è già impegnato in Telefonica nella partita E-Plus di KPN.

Una curiosità: solo nel 2010, di fronte a un’ipotesi di fusione fra Telecom Italia e Telefònica, Stefano Quintarelli sul suo seguitissimo blog mise l’accento su un aspetto ironico del caso Telecom: un matrimonio (allora) da “80 miliardi di debiti” come “una Alitalia al giorno per due mesi” lavorativi. Ecco, ora la somma dei debiti è salita a circa 100 miliardi di euro. Secondo Massimo Mucchetti “la combined entity è un colosso dai piedi d’argilla”.

-Leggi anche: Telecom Italia e il giallo dello scorporo della rete

Conoscete la storia della telefonia mobile in Italia? Misuratevi con un Quiz!

Telecom Italia raggiunge accordo con Telefonica
Telecom Italia raggiunge accordo con Telefonica

Read also :
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore