TEST: Hp Media Vault Pro 5020

CloudServerStampanti e perifericheWorkspace

Un  sistema di storage condiviso per la casa: Media Vault consente il backup e l’accesso ai file, da remoto. Si possono condividere i contenuti multimediali semplicemente via Internet e centralizzare la propria raccolta musicale da iTunes

Tutto il resto viene gestito via software. Lato client per funzionare Media Vault richiede un PC con processore Pentium III da 1 Ghz con almeno 256 Mbyte di RAM oltre a Internet Explorer 6, Firefox o Netscape, 150 Mbyte di spazio disco per l’installazione del software e un sistema operativo Windows (da Xp qualsiasi versione andrà bene), Mac o Linux.

media_retro.png

La gestione delle funzioni di Media Vault sono garantite da Media Vault Pro Client Control Center Software tramite cui impostare quali sono le cartelle condivise, gli accessi e i relativi privilegi. Ad alcuni software specifici sono demandati specifiche funzioni. Così con la parte applicativa Backup (NTI Drive Backup e Shadow 3 vengono installati) si possono decidere i backup di specifiche directory da salvare su drive USB esterni.

E’ possibile anche il salvataggio di multiple versioni del medesimo file, così come (già accennato) la copia di intere immagini di dischi (Drive image).

mediasportello.png

E inoltre, con Online Backup, è possibile attivare la richiesta di un terabyte di spazio (2 Gbyte sono già inclusi). Hp Media Vault consente anche il Media Streaming con la compatibilità DLNA. Per quanto riguarda i file musicali, poi, è possibile centralizzare la propria collezione e richiamare i brani che interessa ascoltare da qualsiasi PC della rete.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore