TEST: Hp Media Vault Pro 5020

CloudServerStampanti e perifericheWorkspace

Un  sistema di storage condiviso per la casa: Media Vault consente il backup e l’accesso ai file, da remoto. Si possono condividere i contenuti multimediali semplicemente via Internet e centralizzare la propria raccolta musicale da iTunes

Quando si decide di gestire la raccolta iTunes con questo sistema viene abilitato il sistema all’accesso al catalogo, e si può poi configurare unicamente l’intervallo di tempo ogni quanto Media Vault deve cercare i brani (è possibile con i brani musicali che finiscono nella cartella omonima). Per quanto riguarda l’Accesso Remoto la procedura è solo lievemente più articolata. Una volta aperto il Centro di Controllo di Media Vault, nella scheda Strumenti bisogna scegliere Personalizza/Acceso Remoto e poi impostare Abilita indirizzo Web e Abilit ricerca dei file Internet.

Lato router Hp Media Vault dispone del comando per configurare automaticamente il router, ma è facile che quest’ultimo sia sufficientemente protetto per impedirlo. Si deve in questi casi scegliere Configura manualmente il router e procedere in questo secondo modo. Il software prevede una pagina di testing.

Giudizio

Hp Media Vault risolve in un unico dispositivo le esigenze di base di backup e quelle server per la gestione dei contenuti. Probabilmente la facilità di utilizzo è anche l’unico suo limite. Si presta quindi perfettamente per un uso domestico e, nei piccoli uffici, come prima soluzione di base. Il software può essere migliorato non tanto nell’impostazione, davvero soddisfacente perché perfettamente utilizzabile da chiunque, quanto nella granularità delle configurazioni. Anche l’utente esperto a casa può avere esigenze più articolate. In tutte le versioni sarebbe stato il caso di inserire da subito il disco supplementare per la configurazione in RAID 1.

mediavaultsoftware.png

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore