ANTEPRIMA: Un assaggio di Windows Phone 7

AccessoriMobilitySmartphoneWorkspace

A meno di un mese dal lancio di Windows Phone 7 incontriamo il team di Microsoft Mobile Italia e il neo responsabile della divisione Luca Callegari. Ecco cosa ci si può aspettare da Windows Phone 7, come è stato sviluppato e se davvero potrà essere protagonista nello sviluppo del mercato mobile. Le nostre impressioni

Divertimento o business?

Una riflessione: negli Stati Uniti Zune è diffuso, da noi nessuno l’ha mai potuto adottare, conoscere, apprezzare. E’ un gap iniziale non indifferente, e bisogna sperare che il sistema sia talmente semplice, da risultare subito familiare.
Luca Callegari riprende le fila del discorso e chiarisce molto bene la destinazione d’uso di Windows Phone 7, rispondendo alle critiche di chi pensava a un sistema Xbox-centrico: “Windows Phone 7 è completo, e soddisferà sia le esigenze professionali, sia quelle di chi si diverte con gli smartphone e sarà certamente un sistema adatto all’utenza business”. In effetti Microsoft non è proprio l’unica a pensare che divertimento e business possano andare a braccetto su un unico device; nel momento in cui Apple carica Game Center sull’iPhone , si capisce che la partita si gioca su tutti i fronti, ma su un unico dispositivo e che probabilmente la differenza tra uno smartphone business e uno per divertirsi – fatte salve determinate caratteristiche – è forse più nella testa di qualche responsabile marketing, che in quella della gente. Un’altra perplessità  è legata alle incognite di quale potrebbe essere il sistema Windows per gli ‘slate’ o i ‘tab’ o i ‘pad’. Chiamateli come volete. Al momento c’è ancora nebbia fitta in proposito e se finalmente si capisce che anche Android non è proprio così perfetto per i Tab, vedremo cosa accadrà in questo segmento, dove al momento – a livello software, grazie ad iOS – Apple ci sembra messa meglio di tutti gli altri con iPad.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore