Un equilibrio…provvisorio

Sistemi OperativiWorkspace

Non bisogna essere per forza degli intrepidiesperti di computer per attivare la "modalitàprovvisoria" di Windows! Ecco i consigli per utilizzarla al meglio quando è necessaria per risolvere i problemi del PC.

Prerogativa della modalità provvisoria è quella di alleggerire al massimo l’avvio e l’esecuzione di Windows. In condizioni normali il sistema operativo si avvia caricando in memoria tantissimi dati: in primo luogo tutti i driver delle periferiche (scheda video, audio, periferiche di masterizzazione, stampanti, scanner e così via); inoltre carica i file di sistema e i dati dei programmi in esecuzione automatica (quelli che sono attivi fin dall’avvio del PC, come antivirus, firewall, gestori di schede audio e video, e altri software più o meno utili). La modalità provvisoria “sfronda” tutti questi dati, facendo avviare il sistema con un gruppo minimo di file, necessari solo per far funzionare alcuni dei servizi essenziali di Windows. I “grandi esclusi” dalla modalità provvisoria sono innanzitutto i driver di periferica: non sono caricati i driver di modem, scheda audio, scheda video, scanner, masterizzatori. Questo significa che tali strumenti sono totalmente inutilizzabili: dimenticatevi di sentire suoni, di potervi collegare a Internet, e di utilizzare periferiche collegate alle porte USB. Quindi cosa funziona? Il sistema carica dei driver generici per far funzionare mouse e tastiera se collegati all’interfaccia seriale. Dimenticatevi di vedere in funzione eventuali pulsanti multimediali della tastiera, la rotella del mouse o i suoi tasti speciali. Particolare attenzione deve prestare chi ha installato mouse e tastiere USB: ci sono molte probabilità che non rispondano a nessun comando (solo alcune tipologie di BIOS possono riconoscere mouse e tastiere USB in modalità provvisoria). Sul fronte video preparatevi a vedere desktop e finestre con risoluzione 640 x 480; con Windows 98 la visualizzazione sarà a 16 colori, mentre Windows Xp a 24-bit. Questo perché il sistema carica un driver generico chiamato “Vga.sys” che non ha nulla a che vedere con i driver che l’utente installa assieme alla scheda video, esclusi in partenza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore