VIDEO TEST: Nikon D5000 18-55 VR Kit

AccessoriWorkspace

Sensore da 12,3 Megapixel, display che ruota, la possibilità di fotografare con Live View e il sistema D-Movie per i video sono i punti di forza di questa reflex con un ottimo rapporto qualità/prezzo

La prova sul campo

Abbiamo svolto i nostri test prevalentemente fotografando un evento di festa, anche se in differenti condizioni sia meteo, sia di ripresa, sia di soggetti (campi lunghi e ritratti).

Ci ha favorevolmente impressionato la velocità di messa a fuoco e la precisione nell’individuazione dei volti all’interno dell’inquadratura. Così come le scelte di saturazione colore e esposizione in modalità Auto. Meno invece le prestazioni in Live View, un po’ per la rinuncia alla scelta sugli 11 punti di messa a fuoco, certamente -almeno a nostra impressione – per una prontezza inferiore alle aspettative. Dove il sistema esposimetrico non ha compensato di suo, in più di un’occasione (tipico il contrasto tovaglia bianca, volto dei protagonisti in foto) abbiamo utilizzato direttamente, subito dopo lo scatto la funzione D.Lighting. A nostro avviso strumento eccellente. Consente di non perdere più di un secondo per risolvere situazioni imprecise, non dovendo più provvedere dopo, con i software da Pc, all’elaborazione. Bene tra le voci di menu, tutte le opzioni di fotoritocco, ripensate nel modo più intuitivo possibile per migliorare la foto subito, già in macchina. Considerato il mercato di riferimento per questa reflex, riteniamo assolutamente positiva la scelta unica del supporto di salvataggio dei fotogrammi su schedine Sd (anche HC), sono il formato con cui il pubblico ha familiarizzato di più, il più diffuso, quello facilmente più riutilizzabile su altri device.

Per quanto riguarda la durata della batteria abbiamo utilizzato la D5000 in diverse situazioni, spesso facendo uso del flash, di rado sfruttando il motore, per un totale di 200 scatti suddivisi in due giornate di lavoro: questa mole ha esaurito la carica solo di un terzo. Ci sembra l’utilizzo che più si avvicina a quello di un normale utente non professionista e ci ha pienamente soddisfatto. Un’ultima nota: a ogni avvio – di default- la fotocamera segnala l’intervento di pulizia del sensore sia con il sistema AirFlow (un flusso d’aria) sia tramite microvibrazioni, è l’ultima novità da segnalare.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore