Videocamere digitali. Tanti modelli per tutte le tasche

CloudServer

L’evoluzione tecnologica degli ultimi anni ha dato una forte scossa al mercato della videoripresa, aprendolo in modo massiccio anche alle persone meno esperte. Oggi è infatti possibile creare filmati di qualità a costi più abbordabili, con apparecchi decisamente meno complessi

La videocamera deve avere la possibilità di colloquiare con altri apparecchi, computer o televisore che sia. Per questo ha bisogno di connessioni di vario tipo. In genere, man mano che si passa da una videocamera di primo prezzo a una di fascia alta, aumentano progressivamente i terminali disponibili. Il più importante è forse l’interfaccia firewire inventata da Apple, che essendo divenuta nel tempo uno standard ha preso anche il nome di IEEE 1394. C’è anche una versione Sony, sostanzialmente uguale, che viene chiamata i.Link. Grazie a questa interfaccia è possibile trasferire rapidamente i filmati dalla videocamera al computer. Può consentire il passaggio solo in uscita, oppure anche in ingresso (out e in), permettendo così di riversare su nastro i video elaborati a computer. Ci sono poi i collegamenti audio/video analogici che permettono il collegamento ad altri apparecchi, come un’altra vidoecamera, un videoregistratore o un televisore. In alcuni casi è disponibile la connessione S-Video: a differenza di quella AV, con la quale le informazioni passano attraverso un unico cavo, in quella S-Video, che si affianca a quella AV, passano solo i dati relativi a tonalità, saturazione, contrasto e luminosità. Su alcuni modelli c’è la connessione Lanc, che permette di controllare le funzioni delle videocamera in remoto, con un comando a distanza oppure tramite una centralina di montaggio. Altri terminali utili sono l’interfaccia Usb e la presa per attaccare un microfono esterno. Le videocamere dispongono sempre di un microfono integrato, ma per ottenere un audio più pulito è preferibile usare quello esterno, che può anche essere messo vicino alla fonte del suono. Prima dell’acquisto è comunque importante valutare attentamente cosa si vuole ottenere e scegliere di conseguenza. Non bisogna lasciarsi affascinare troppo dalla quantità di funzioni e caratteristiche, molte delle quali magari non verranno mai utilizzate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore