Windows Vista, alias Longhorn

LaptopMobility

Una nuova grafica e funzioni di sicurezza ottimizzate dovrebbero rendere la prossima versione di Windows il migliore sistema operativo di tutti i tempi

Pvp-Opm (Protected Video Path – Output Protection Management) è stato concepito per mettere una sorta di manette virtuali alla copia dei film: garantisce che le uscite video del Pc soddisfino le esigenze di cifratura e non vengano manipolate. A tal fine viene portata a termine una serie di autenticazioni: il driver della scheda grafica verifica che la scheda non sia stata manomessa e che possa riprodurre i contenuti (Hardware Functionality Scan). Il sistema operativo autentica i driver e i contenuti controllano che il sistema operativo disponga di tutte le funzioni necessarie. Soltanto quando la sequenza di verifiche è stata portata a termine, il computer Longhorn può iniziare a riprodurre i filmati protetti ed eventualmente interrompere la riproduzione o diminuirne la qualità. Negli ambienti Longhorn protetti, Puma (Protected User Mode Audio) è il motore audio che svolge la funzione corrispondente a Pvp-Opm, dedicato invece ai filmati. In Windows XP il motore audio gira in modalità kernel, ma non sarà così in Longhorn: passerà alla modalità utente, sarà più robusto ed espandibile. Puma è il componente per la protezione del motore audio in modalità utente e consisterà in un processo separato. Per restare immuni da spiacevoli sorprese e contemporaneamente sfruttare le prestazioni sempre più avanzate dei computer, occorre essere in grado di sostituire in qualsiasi momento uno o più componenti di protezione. Se per esempio tra qualche anno, grazie alla maggiore potenza delle Cpu, si potesse eludere un algoritmo di cifratura in tempo reale o se un hacker attaccasse un modulo, l’architettura di protezione può revocare la validità al modulo considerato in precedenza come affidabile, per esempio il driver della scheda grafica. In modo simile all’implementazione Pki, esiste perciò un elenco globale di revoche nel quale vengono inseriti tutti i moduli compromessi. È quindi indispensabile che, per la riproduzione di Premium Content, i Pc Longhorn siano costantemente collegati a Internet per potere scaricare sempre una blacklist aggiornata. Inoltre, per proteggere i diritti d’autore dei contenuti che arrivano al Pc tramite il segnale televisivo, Longhorn assume il controllo dell’interfaccia per i driver della scheda Tv. Pbda (Protected Broadcast Driver Architecture) supporta il trasferimento delle trasmissioni protette dall’- hardware della scheda Tv al sistema operativo e include la cifratura Api. Si può ipotizzare per esempio che lo streaming di un film contenga la protezione dalla copia o le istruzioni per l’uso richieste espressamente da Longhorn – e non soltanto per gli Hdtv, ma anche per le trasmissioni analogiche. La protezione dei contenuti su tutta la catena che va dal produttore al consumatore diverrà così una caratteristica comune del Pc anche per quanto riguarda le ricezioni televisive.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore