Xiaomi in Italia, una scelta in più nel mercato smartphone

AziendeMobilitySmartphone

Xiaomi è pronta a sbarcare in Italia. Già online il portale italiano, quasi pronti il punto vendita e i centri di assistenza. Un’opportunità in più per chi deve scegliere il prossimo smartphone. L’accordo con Tre per l’italia

Nel mercato smartphone a livello mondiale sono tre i vendor che si contendono praticamente quasi la metà del market share: Samsung, Apple e Huawei. Esattamente in questo ordine.

Al quarto posto c’è Xiaomi, nata nel 2010, che ha raddoppiato nel primo trimestre 2018 la sua percentuale di market share nel confronto con lo stesso trimestre dell’anno precedente, passando dal 4,3 percento a oltre l’8 percento. Una crescita vertiginosa, non comune a nessun altro vendor. 

Fino ad oggi in Italia era possibile acquistare gli smartphone Xiaomi sia su Amazon, sia attraverso qualche specifico store ecommerce (tra cui GrossoShop, specializzato proprio nella vendita di smartphone asiatici), oppure anche tramite il market place non ufficiale.

Tra pochi giorni le possibilità saranno molte di più perché Xiaomi si sta muovendo nel nostro Paese oramai con decisione. Alla fine di aprile infatti, il vendor ha svelato il nuovo sito ufficiale per l’Italia.

E’ di pochissimi giorni fa la notizia della prossima apertura di uno store dedicato a Milano, verso la fine di questo mese, con le caratteristiche tipiche di chi vuole farsi apprezzare prima di tutto lasciando toccare con mano i propri prodotti.

E per chi ancora non nutre eccessiva fiducia è arrivata anche la notizia dei centri ufficiali di assistenza Xiaomi sul territorio, regione per regione, città per città, con il classico form per trovare quello più vicino. Solo in lombardia sono 21, in Italia oltre 300. Non solo, l’azienda cinese ha firmato un accordo di distribuzione con CK Hutchison che detiene il 50 percento della Telco, per portare i device nei negozi italiani Tre (ma arriveranno anche nei negozi Tre di Austra, Svezia e Danimarca).

Un accordo che denota l’attenzione nella scelta delle partnership, tenuto conto di un altro accordo precedente accordo esclusivo intelligente, quello per i Google Pixel 2 XL. E in ogni caso con questa partnership Xiaomi si ritrova aperte le porte di oltre 17mila esercizi retail a livello mondiale.    

IDC – Mercato Smartphone IDC Q1 2018

Le performance di Xiaomi sono importanti, anche perché arrivano in un momento di flessione di circa il 2,9 percento del mercato, che può solo parzialmente contare ancora sui mercati emergenti per crescere.

In flessione, nel confronto tra i trimestri anno su anno, ci sono Samsung e Oppo, ma la prima non ha ancora beneficiato dei volumi generati dal suo smartphone flagship Galaxy S9 arrivato solo a trimestre già avanzato sul mercato. 

Inoltre Xiaomi è di sicuro il vendor “giovane” che più degli altri è riuscito a crescere nei mercati occidentali e in Europa, oltre che in mercati importanti come quello indiano e quello del sud-est asiatico. La Cina non basta, per le ambizioni del vendor che conta meno della metà delle sue spedizioni entro i confini nazionali.

Lei Jun, Fondatore di Xiaomi

Nel DNA dell’azienda da sempre c’è la volontà di offrire le migliori tecnologie al giusto prezzo, e in effetti è proprio un modello di fascia bassa come Redmi 5A ad avere maturato quasi la metà delle vendite, in India certamente. Secondo gli analisti la propensione all’acquisto di un nuovo smartphone vale anche una maggiore propensione alla spesa.

Non mancano a catalogo gli smartphone Xiaomi costosi, è da vedere se anche per i prezzi più elevati il vendor cinese raccoglie un’alta preferenza. Di sicuro è un’operazione riuscita perfettamente a Huawei le cui quote di mercato sono cresciute (ora 11,8 percento, con ottime performance proprio in Italia, Spagna e Germania).

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore